Napoli, primo giorno di Super Green Pass: controlli ai tornelli ma Anm e Eav non possono multare

eav controllo green pass tornelli
Eav, controlli ai tornelli sul Green Pass. Foto di Umberto De Gregorio

Napoli Primo giorno di Super Green Pass nella città partenopea, con il piano di controlli definito venerdì dalla prefettura e le cui disposizioni resteranno in vigore fino al 15 gennaio 2022. Non solo nei mezzi e nelle stazioni dei trasporti pubblici, ma anche in ristoranti, alberghi, stadi, palestre, piscine e altri luoghi dove si svolgono manifestazioni al chiuso sarà necessario essere vaccinati o guariti dal Covid per accedere. Il Green Pass base è sufficiente per usufruire mezzi pubblici e andare al lavoro.

LEGGI ANCHE – Super Green Pass: quando è obbligatorio e cosa permette di fare. Tutte le novità

Umberto De Gregorio, presidente dell’EAV, ha pubblicato una foto su Facebook in cui si vede un addetto che controlla il Green Pass ad una passeggera. “Inizia una nuova avventura: controllo Green pass ai Tornelli” – scrive, ribadendo quindi la disponibilità dell’azienda a supportare le forze dell’ordine in questo nuovo compito. Controlli che però avverranno soltanto nelle stazioni da parte di EAV, come già annunciato nei giorni scorsi proprio da De Gregorio in una nota: “La nostra posizione è che i controlli spettano alle forze dell’ordine per cui cominceremo con un controllo a campione nelle stazioni, mai sui treni né a bordo degli autobus. È chiaro che non possiamo fare le multe e quindi possiamo solo chiedere a chi non ha il Green Pass di allontanarsi. Davanti a rifiuti o in presenza di problemi e contestazioni, chiameremo le forze dell’ordine”.

Sostanzialmente identica la posizione di Anm, la quale ha messo a disposizione 139 controllori ma solo come supporto alle forze dell’ordine. D’altra parte le multe competono proprio a queste ultime, per cui avrebbero poco senso le verifiche a bordo sul Green Pass da parte da parte dei controllori. Ai tornelli, invece, il personale aziendale può invitare i passeggeri non in regola ad allontanarsi.

Il Piano di controllo della Prefettura di Napoli

La Prefettura partenopea ha stabilito che a decorrere dal 6 dicembre prossimo e fino al 15 gennaio 2022 vengano svolti controlli mirati:

– per il trasporto pubblico terrestre, compresi gli autobus adibiti a servizio di noleggio con conducente, in entrata e in uscita dai vettori, a campione presso gli stazionamenti dell’Azienda Napoletana Mobilità e dell’Ente Autonomo Volturno e della Compagnia Trasporti Pubblici, nonché presso le fermate di autobus, in entrata ed in uscita dai mezzi pubblici;
– per il trasporto pubblico ferroviario, in entrata e in uscita dai vettori, a campione, presso le fermate della metropolitana, delle funicolari, della circumvesuviana, della cumana e circumflegrea e le stazioni delle Ferrovie dello Stato;
– per il trasporto pubblico marittimo, in entrata e in uscita, a campione, presso i porti dell’area metropolitana in cui si effettuano collegamenti marittimi di linea per le isole;
– per il trasporto pubblico aereo, prima della salita, presso lo scalo di Napoli Capodichino;
– presso i ristoranti al chiuso, inclusi quelli operanti nelle aree di servizio della Tangenziale di Napoli e della rete autostradale;
– presso gli alberghi ed altre strutture ricettive ove si svolgano manifestazioni al chiuso, stadi, musei, teatri, cinema;
– presso palestre e piscine.


I servizi di controllo finalizzati alla verifica del possesso del green pass e delle altre misure di contenimento epidemiologico, verranno particolarmente intensificati nelle aree urbane con maggiore concentrazione di esercizi commerciali e in quelle caratterizzate dal fenomeno della movida nei fine settimana, caratterizzate da un movimento di persone più elevato e, quindi a maggior rischio di contagio. Particolare attenzione sarà anche rivolta all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale ( mascherine ) il cui uso, in base alle prescrizioni regionali, è già obbligatorio.

Potrebbe anche interessarti