Bozza nuovo decreto, super green pass anche in bar e palestre: cosa cambia

Dopo le riunioni in cabina di regia, si è tenuto il Consiglio dei Ministri per decidere le misure da adottare in vista dell’emanazione del nuovo decreto. Un provvedimento ritenuto necessario per frenare la diffusione del contagio e l’avanzata della variante Omicron.

Verso nuove misure: la bozza del nuovo decreto

Stando alla bozza del nuovo provvedimento, resa nota da ‘Il Corriere della Sera’, sarà confermato l’obbligo di mascherina all’aperto anche in zona bianca. In più per accedere a cinema, teatri, eventi sportivi e mezzi di trasporto è previsto l’utilizzo della mascherina Ffp2. In tali aree non sarà possibile consumare cibi e bevande.

L’intervallo di tempo tra l’ultima somministrazione e la terza dose di vaccino potrebbe passare dai 5 ai 4 mesi ma prima sarà necessario un approfondimento tecnico che coinvolgerà anche l’Aifa. La durata del Green Pass, invece, come già preannunciato, dal 1 febbraio 2022 sarà ridotta dai 9 ai 6 mesi.

Fino al 31 gennaio si prevede l’estensione del Green Pass rafforzato per la ristorazione al chiuso anche al banco, comprendendo anche i bar, oltre che per musei, sale bingo, palestre e piscine. Tali luoghi, dunque, saranno accessibili soltanto per vaccinati e guariti. Vietati, fino alla stessa data, anche eventi e feste soggetti ad assembramento, anche all’aperto.

L’ingresso alle Rsa e alle discoteche sarà consentito soltanto ai vaccinati con terza dose o immunizzati con doppia dose che presentino l’esito negativo di un tampone. Negli aeroporti per chi rientra in Italia potrebbero essere previsti controlli a campione con test antigenici e molecolari.

Potrebbe anche interessarti