1 maggio, Napoli e la Campania incantano i turisti: quasi 22mila visite solo a Pompei

Napoli, e più in generale la Campania, anche nel weekend del 1 maggio è stata presa d’assalto dai turisti registrando il pieno di visite nei principali siti culturali.

Napoli e Campania, 1 maggio con boom di turisti

Sulla scia dei numeri raggiunti durante le vacanze pasquali e nel ponte della Liberazione, la città partenopea continua a confermarsi tra le mete preferite dai turisti sia italiani che stranieri. Come già preannunciato dalle stime di Confesercenti Campania, anche nel fine settimana della festa dei lavoratori l’intera Regione ha registrato un boom di presenze.

Con la ripresa dell’iniziativa Domenica al Museo, le principali città italiane hanno registrato una grande affluenza di visitatori nei musei e nei luoghi della cultura statale. Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha sottolineato: “Per la prima volta, in molti musei si torna a numeri pre-Covid. È la conferma della voglia degli italiani di tornare a riscoprire la bellezza e a vivere il proprio patrimonio culturale, anche quello meno conosciuto”.

I dati definitivi degli ingressi, relativi alla giornata del 1 maggio, vedono ancora una volta sul podio il patrimonio culturale campano: il Parco Archeologico di Pompei ha registrato ben 21.995 visite, collocandosi secondo soltanto alle Gallerie degli Uffizi di Firenze (con 23.594).

Seguono il Palazzo Reale di Napoli e il Parco Archeologico di Paestum e Velia, con rispettivamente 6.610 e 5.963 visitatori. Grande successo anche per la Reggia di Caserta che ha registrato 4.930 accessi, così come per il Parco Archeologico di Ercolano con 4.837. Numeri da record anche per il Parco archeologico Campi Flegrei con 3.064 visite in un solo giorno.

Non solo siti culturali, anche le vie del centro partenopeo sono state invase dai turisti che hanno deciso di immergersi tra le meraviglie della nostra città. Genny Di Virgilio, maestro dei presepi di San Gregorio Armeno, a ‘Il Mattino’ ha raccontato: “La via dei pastori è piena di turisti, specialmente stranieri e la cosa mi soddisfa tanto”. Nell’itinerario dei visitatori non sono mancate tappe culinarie ed esperienze di street food.

Potrebbe anche interessarti