Casandrino, macelleria rubava energia elettrica dal 2018: danno da 30mila euro

Casandrino: macellaio arrestato dai Carabinieri per furto di energia.

Casandrino, rubava energia elettrica

I carabinieri della Stazione di Grumo Nevano hanno arrestato per furto di energia elettrica un macellaio 58enne di Casandrino.
I militari, insieme a personale della società di distribuzione di energia, hanno accertato che l’uomo era riuscito a ridurre i consumi di energia dal 2018 per un danno economico di circa 30mila euro. L’esercizio commerciale nel centro di Casandrino aveva un allaccio abusivo collegato direttamente al contatore elettrico.

L’uomo, in attesa di giudizio, è agli arresti domiciliari.

Nola, rubava elettricità per la sua pizzeria

Lo scorso marzo a Nola, i Carabinieri forestali della stazione di Marigliano, hanno arrestato un 52enne di San Gennaro Vesuviano per furto di energia elettrica: si serviva di un allaccio abusivo alla rete elettrica all’interno della sua pizzeria.

All’interno del locale i militari dell’arma hanno accertato l’illecito. Da circa due anni il contatore del posto rilevava consumi bassissimi tanto da far scattare l’ispezione, all’interno del locale, da parte dei Carabinieri in sinergia con il personale tecnico dell’Enel.

Il contatore era stato bypassato ed i cavi che alimentavano la struttura erano collegati direttamente alla rete portante. Per l’uomo è scattato l’arresto con rito direttissimo. Dovrà rispondere di furto aggravato, oltre a restituire una somma che ammonta a circa 10mila euro.

Potrebbe anche interessarti