Maturità, Vincenzo si diploma a 64 anni: “L’ho promesso a mia moglie morta di Covid”

scuolaSalerno. All’istituto Galilei tra gli studenti che hanno svolto la prima prova scritta di italiano c’è Vincenzo Lifrieri, giardiniere di 64 anni.

Vincenzo Lifrieri, si diploma a 64 anni

Ho fatto il tema sul Covid ma non ho parlato di mia moglie. Sarebbe stato troppo doloroso ricordare quei giorni e ho preferito non personalizzare. Credo che sia andata bene“, ha detto uscendo da scuola al corrieredelmezzogiorno.it. Vincenzo ha perso la moglie a causa del virus un anno e mezzo fa e stamattina si è presentato all’istituto d’istruzione superiore Galileo Galilei di Salerno insieme ai suoi compagni di classe, la V G. “Se questa mattina sono qui – ha raccontato – è perché lo dovevo a mia moglie che era maestra elementare. Avevo scommesso con lei che mi sarei iscritto nuovamente a scuola per poterla portare a termine. E ora ci tengo tantissimo a conseguire la maturità”.

Vincenzo abbandonò gli studi al quarto superiore: “Sono stato un imbecille – dice – ma all’epoca lavoravo, suonavo il piano sulle navi da crociera e guadagnavo un sacco di soldi, anche tre milioni di lire al mese. Mi sono divertito molto“. Il maturando è padre di due figli e nonno di un bambino di sei anni: “Avrei intenzione di iscrivermi all’università – prosegue – a Lingue e letterature straniere, una materia che mi è sempre piaciuta, avendo girato tanto per il mondo, da giovane, è bello conoscere la cultura di altri Paesi. Ma può darsi anche che faccia Ingegneria, non so, dipende da tanti fattori, sa, ho i figli a casa che sono grandi e non lavorano e non è semplice andare avanti”.

Le tracce della Maturità 2022

Le tracce predisposte dal Ministero dell’Istruzione sono 7, divise in 3 tipologie:
– Tipologia A, due tracce di analisi del testo (uno poetico e uno in prosa)
– Tipologia B, tre tracce di testo argomentativo (uno in ambito storico)
– Tipologia C, due tracce di attualità

Le tracce
Per le prime due tracce di analisi del testo gli autori scelti dal Ministero dell’Istruzione sono Giovanni Verga con un brano dalla novella Nedda, e Giovanni Pascoli con la poesia La via ferrata dalla raccolta Myricae.

Per il tema argomentativo ci sono Liliana Segre e Gherardo Colombo con un brano tratto dal libro La sola colpa di essere nati. Inoltre Oliver Sacks con un brano da Musicofilia.

Per le tracce di attualità invece abbiamo il brano Perché una costituzione della Terra? di Luigi Ferrajoli, sulle conseguenze del Covid. C’è infine il brano Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Infine una traccia con un discorso di Giorgio Parisi, premio Nobel per la Fisica.

Potrebbe anche interessarti