L’omelia di Papa Francesco: “Napoli, non farti rubare la speranza, criminali…”

Papa Francesco

Piazza del Plebiscito è letteralmente invasa dalla folla di fedeli, costituita da oltre 60 mila persone, che ascoltano con attenzione e devozione l’omelia di Papa Francesco. Oltre a divulgare la parola di Dio, attraverso messaggi di fede e speranza, il Papa fa alcune considerazioni su Napoli, soffermandosi sull’aspetto più “doloroso” della città: il suo pensiero si rivolge in particolare a gran parte del popolo napoletano che soffre e vive situazioni difficili legate al problema insormontabile della mafia, della camorra, della corruzione, che attanagliano la città, martoriandola ingiustamente e strappandole “o suonn e a fantasi”. “Napoli, non farti rubare la speranza. Criminali convertitevi…”: con queste parole, semplici, chiare e concise fa un appello ai responsabili di tutto ciò.

Ecco alcune parti significative dell’omelia: “Sono venuto a Napoli per proclamare insieme a voi: ‘Gesù è il Signore’. Nessuno parla come Gesù: lui solo ha parole di misericordia e di vita eterna che possono guarire le ferite del nostro cuore. Dio è forte nell’umiltà, anche nella debolezza. La potenza della sua parola è nell’amore senza confini. Che ci fa amare Dio oltre noi stessi. Questa è la forza che cambia il mondo. La parola di Cristo vuole raggiungere tutti: in particolare chi vive Gesù vi sta cercando per abbracciarvi, per amervi di più. La grazia di Dio perdona tutto e perdona sempre: è possibile tornare a lui. Lo testimoniano le lacrime delle madri di Napoli e della madonna che conducano tutti. Oggi comincia la Primavera: che porta speranza. oggi è tempo di Speranza per Napoli. Una città che ha in sé tante potenzialità spirituali e culturali, con tanta capacità di amare. Si può costruire un futuro migliore.”

Riportiamo di seguito il video dell’omelia completa, postato da Tv2000: 

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=uz8ES9dD_RU[/youtube]

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più