Morte Daniele Belardinelli, tifoso del Napoli arrestato per omicidio

Importante aggiornamento nelle indagini degli scontri prima di Inter-Napoli dello scorso 26 dicembre 2018. È stato arrestato l’ultras napoletano alla guida della macchina che ha travolto e ucciso Daniele Belardinelli in via Novara a Milano. L’indagato è il trentanovenne Fabio Manduca, accusato di omicidio volontario.

L’ordinanza di custodia è stata firmata dal gip di Milano Guido Salvini nell’inchiesta della Digos, coordinata dall’aggiunto Letizia Mannella e dai pm Rosaria Stagnaro e Michela Bordieri. Nel corso delle indagini svolte negli ultimi mesi, Manduca si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere alle domande degli inquirenti e degli investigatori.

Stando alle ricostruzioni dell’accaduto, Manduca, dopo aver superato un’Audi A3 appartenente alle macchine dei supporters napoletani, avrebbe puntato dritto verso il gruppo di ultras interisti, che aveva invaso la strada con un assalto programmato e armato di mazze, coltelli e bastoni. Accelerando la propria Renault Kadjar, Manduca avrebbe investito volontariamente Daniele Belardinelli di 39 anni, ultras del Varese, tifoseria gemellata con quella dell’Inter.

L’arresto di Manduca è stato possibile grazie al lungo lavoro degli investigatori sui filmati delle telecamere della zona e su alcune intercettazioni telefoniche. Altri elementi sono il frutto di alcune perizie biologiche disposte dal gip e dalle analisi delle condizioni della macchina sequestrata.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più