Schiaffi e botte con bastoni a bimbo di 5 anni: arrestati mamma e zio

bimbo botte

Una violenza domestica continua. Fatta da chi invece ti dovrebbe proteggere e amare. Prima le urla, e poi gli schiaffi dati da mamma e zio. Con il nonno spettatore. Un bambino di appena cinque anni è stato vittima di violenze da parte dei componenti della sua stessa famiglia. Il fatto è avvenuto in un piccolo centro del Casertano.

LA STORIA – Un bambino di 5 anni spesso andava a scuola con evidenti lividi sul corpo. Un particolare che non è passato inosservato a due insegnanti della scuola dell’infanzia frequentata dal piccolo. I docenti hanno così pensato di denunciare il caso e fare una segnalazione ai Carabinieri capendo che qualcosa non andava. La Procura ha così disposto l’installazione di alcune telecamere che hanno registrato le numerose violenze domestiche ai danni del bambino.

Il piccolo veniva strattonato, preso a schiaffi e calci. Contro di lui venivano usati anche bastoni e manici di scopa. Non veniva mai chiamato per nome, mentre veniva continuamente offeso e minacciato. A perpetuare le violenze la mamma e uno zio. La vicenda si è conclusa con l’arresto della madre di 30 anni e dello zio di 34 anni, eseguito dai Carabinieri. I provvedimenti sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Napoli Nord.

Coinvolto nel caso anche il nonno del piccolo, un 53enne, che conviveva con i figli ed il nipote. E’ stato raggiunto da ordine di allontanamento dalla casa familiare e dal divieto di avvicinamento alla vittima. Sapeva delle violenze ma non interveniva, anzi una volta vi aveva anche partecipato.

Dalle indagini è emerso come il piccolo veniva istruito su come giustificare ecchimosi e lividi presenti sul corpo. Ma per fortuna le sue ‘scuse’ hanno insospettito gli insegnanti e portato all’arresto di chi lo picchiava.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più