Metro e funicolare di Napoli guaste: inizia male il nuovo anno per i trasporti

Dopo appena tre giorni dall’inizio del nuovo anno, i passeggeri della metro e della funicolare di Napoli sono incappati nel primo guasto del 2020. Una routine che negli ultimi mesi del 2019 si è ripetuta più di una volta.

Ora l’annuncio con un post sulla pagina social di Anm, l’Azienda Napoletana di Mobilità, che avvisa della circolazione limitata della Linea 1 e di quella ripristinata dopo un guasto tecnico della funicolare di Chiaia. In particolare la metropolitana, come capitato diverse volte lo scorso anno, limita il suo percorso alla tratta Piscinola-Dante non fermandosi quindi a Garibaldi. Un disagio per tutti quelli che scelgono i mezzi di trasporto pubblico per raggiungere la stazione ed evitare il traffico cittadino. Un’alternativa è scendere a Museo e prendere la Linea 2, perdendo però molto più tempo. Disagi anche a tutti gli studenti universitari che raggiungono la struttura con la metro della fermata di Piazza Borsa.

LEGGI ANCHE
La funicolare di Montevergine riaprirà dopo 4 anni: ecco quando

E in mattinata, prima della metro, anche la Funicolare di Chiaia si era fermata per qualche ora per un guasto, poi ripristinato.

Tra continui guasti, mancata manutenzione e dipendenti della funicolare con giorni di malattia che limitano il servizo notturno, è sempre più difficile prendere i mezzi di trasporto a Napoli. Ed è un vero peccato dato la bellezza delle fermate, da quella di Toledo alla stazione ristrutturata di Scampia. In attesa dei nuovi treni, l’inizio del nuovo anno però non promette certamente bene. E sul web c’è anche chi lancia una proposta provocazione: abbassare il costo dell’abbonamento e limitarlo fino a Dante.

Potrebbe anche interessarti