Paura a Napoli: barbiere aggredito con un paio di forbici da un suo cliente

Immagine di repertorio

Ci sono stati attimi di paura ieri nel centro storico di Napoli, dove si è verificato un episodio particolarmente grave. Nel pomeriggio di venerdì 19 giugno Vito Simeoli, storico barbiere di Chiaia, è stato aggredito con un paio di forbici alle spalle.

Secondo le prime ricostruzioni della vicenda, un cliente sarebbe arrivato al saloon e avrebbe preteso di accomodarsi senza prenotazione: cosa impossibile, viste le strettissime disposizioni anti-covid alle quali devono attenersi i negozi di barbiere e parrucchiere.

Sembra che il cliente non abbia digerito il rifiuto del barbiere, e l’abbia aggredito con un paio di forbici. La notizia ha suscitato subito grande sgomento. La vittima dell’aggressione, proprietario del saloon di via San Pasquale, è infatti un personaggio molto conosciuto sui social network.

Intanto, mentre Vito Simeoli è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli, il suo aggressore, un ragazzo di 29 anni, è stato arrestato. Il barbiere è stato quindi medicato in ospedale: la prognosi che gli hanno dato i medici è di 15 giorni.

Il barbiere non ha presentato denuncia nei confronti del 29enne che lo ha ferito. Si tratta di un suo cliente, e Vito Simeoli è consapevole che il giovane ha prolemi di ordine psichico, motivo per il quale sarà sottoposto ad accertamenti sanitari.

Potrebbe anche interessarti