Recovery Fund e stato di diritto: “Arrivati gli accordi preliminari, è un passo avanti”

recovery fundGli accordi sul Recovery Fund non hanno ancora smesso di accendere gli animi in Europa. Il Parlamento Europeo e la presidenza tedesca del consiglio dell’Ue hanno raggiunto un accordo preliminare sul meccanismo dello stato di diritto legato al pacchetto economico che comprende il Bilancio europeo e il Recovery Fund.

Ad annunciarlo è stato il portavoce tedesco Sebastian Fischer con un tweet: “Fumata bianca. Svolta al trilogo sul meccanismo di condizionalità sullo stato di diritto. Un accordo preliminare è un passo avanti importante per l’Ue e la pietra miliare più importante nei negoziati in corso sul pacchetto del bilancio Ue”.

Quello che adesso serve, però, è l’approvazione dalle due parti. Il principio dello stato di diritto contempla il riconoscimento della supremazia della legge sugli altri poteri. Si è parlato, dunque, della possibilità di bloccare l’esborso delle risorse a Paesi, come Ungheria e Polonia, ritenuti colpevoli di violazioni di principi fondamentali quali la separazione dei poteri e la libertà di espressione e di informazione.

Per quanto riguarda il Recovery Fund (fondi che, per la sola Italia arriverebbero a oltre 200 miliardi di euro tra prestiti e sussidi), invece, è tornato a parlare il commissario europeo agli Affari economici, Paolo Gentiloni in occasione delle presentazioni delle nuove stime della Commissione europea.

Così, come riporta Il Fatto Quotidiano, Gentiloni spera che i primi aiuti riescano a raggiungere i paesi membri il prima possibile: “Nelle ultime settimane siamo di fronte alla recrudescenza della pandemia e sono state adottate nuove misure di contenimento. Il rimbalzo è stato interrotto. La crescita è destinata a fermarsi nel quarto trimestre, e riprenderà a salire a partire dal primo trimestre del 2021”.

Nonostante ciò, non tutti i paesi attendono con urgenza l’attivazione del Recovery Fund. La Banca centrale europea, a proposito di ciò, starebbe ragionando sulla possibilità di ridurre gli acquisti di titoli di quei paesi che non accettano prestiti e aiuti previsti dai piani europei per i paesi membri.

Stati come Spagna, Portogallo o Italia, i più interessati da questi aiuti, verrebbero in questo modo spinti ad aderire pienamente ai programmi di sostegno della Commissione. Non ricadono tra questi aiuti i finanziamenti del Mes che, teoricamente, provengono da un soggetto giuridicamente esterno all’Unione europea.

Nonostante Spagna e Portogallo siano, insieme all’Italia, due paesi interessati dagli aiuti, Madrid e Lisbona negli ultimi giorni hanno espresso la volontà di non utilizzare, almeno per ora, i prestiti del Recovery Fund (che comportano un aumento del debito pubblico e godono di una priorità di rimborso rispetto ai normali titoli di Stato).

L’Italia sta, intanto, iniziando a utilizzare nella pratica un atteggiamento simile. Su eventuali penalizzazioni per i paesi riluttanti, messe in atto da Francoforte, si saprà qualcosa di più preciso solo nella prossima riunione della Bce prevista per l’11 dicembre prossimo.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più