Recovery Plan, dal Mezzogiorno alla sanità saranno spesi 196 miliardi: le misure nella bozza

Sono 196 i miliardi del Recovery Plan che il Governo destinerà a sei macro aree per il “Piano nazionale di ripresa e resilienza”. Il documento – per ora una bozza – conta 125 pagine ed è diviso in quattro parti.

Saranno diversi i settori in cui questi soldi andranno investiti: dal mezzogiorno alle infrastrutture, dalla tecnologia alla parità di genere fino all’istruzione e alla rivoluzione verde e transizione digitale. Secondo la bozza del Recovery Plan quest’ultimo sarà il settore che otterrà più soldi con 74,3 miliardi.

Per uscire da questa crisi e per portare l’Italia sulla frontiera dello sviluppo europeo e mondiale occorre un progetto chiaro, condiviso e coraggioso per il futuro del Paese, che permetta all’Italia di ripartire rimuovendo gli ostacoli che l’hanno frenata durante l’ultimo ventennio“, ha scritto Giuseppe Conte nella premessa alla bozza del Recovery Plan.

Recovery Plan: i settori interessati

Mezzogiorno: È al centro dei punti chiave della bozza del documento per favorire l’innovazione e la crescita economica.

Digitalizzazione: L’obbiettivo del Governo è il progetto fibra che eviti il rischio di duplicazioni nella messa a terra della rete. Il progetto “innovazione, competitività, digitalizzazione 4.0 e internazionalizzazione”, del capitolo digitalizzazione, dovrebbe ricevere 35,5 miliardi.

Parità di genere: Anche la parità di genere è tra gli obiettivi di fondo che il Next Generation Eu dovrebbe aiutare a raggiungere: si tratta di ridurre il divario in ambito sociale e lavorativo. Gli specifici traguardi enunciati comprendono il potenziamento dei nidi d’infanzia e di servizi socio-educativi per la prima infanzia, l’ampliamento dell’offerta di strutture pubbliche per l’assistenza a anziani e disabili oltre a interventi specifici per l’occupazione femminile.

Giovani: Aumentare l’occupazione giovanile è una delle azioni rese necessarie dai ritardi del nostro Paese. Nella legge di Bilancio sono già previste risorse per incentivare l’assunzione attraverso specifici incentivi per i datori di lavoro. Ma questo programma dovrebbe comprendere anche nelle intenzioni dell’esecutivo il potenziamento dei centri per l’impiego e in generale delle attività di orientamento e formazione.

Cultura e turismo: Cultura e turismo sono tra i settori maggiormente colpiti dalla crisi indotta della pandemia, una crisi che non è solo economica ma riguarda anche le abitudini e i comportamenti di lungo periodo. In tema di cultura una particolare attenzione sarà dedicata all’uso strategico del digitale da parte delle istituzioni del settore, per valorizzare anche per questa via il patrimonio culturale del Paese.

Per il turismo si punta ad alcune azioni in grado di contrastare in prospettiva l’attuale fase critica, dalla destagionalizzazione alla valorizzazione dei piccoli borghi, anche per attirare gli italiani che sono andati all’estero.

Sanità: Le criticità nel sistema sanitario evidenziate dalla pandemia saranno affrontate con 9 miliardi di fondi europei. Gli investimenti si dovrebbero concentrare sul potenziamento della rete di assistenza territoriale, accompagnata da un impulso allo sviluppo della telemedicina. Spazio anche alla prevenzione e sul fronte della modernizzazione all’aggiornamento del parco tecnologico degli ospedali e al completamento del Fascicolo sanitario elettronico. Alla sanità dovrebbero andare in totale 9 miliardi di euro.

Istruzione e ricerca: La missione “Istruzione e ricerca” si articola in due linee di azione. La prima riguarda il potenziamento della didattica e del diritto allo studio, mentre la seconda guarda al contatto tra ricerca e impresa. Sul primo versante gli obiettivi esplicitati sono l’accesso all’istruzione. Sul secondo si punta al rafforzamento della cooperazione tra università e mondo economico nel campo della ricerca.

Alta velocità: Anche ai trasporti saranno assegnati dei soldi per permettere la costruzione di nuove tratte per l’alta velocità e nuovi collegamenti ferroviari per il Paese.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più