Migranti, Trenta attacca Salvini: “L’ho avvisato e non ha ascoltato. Ora si lamenta”

elisabetta trenta matteo salvini migrantiIl Governo continua a scricchiolare e lo fa sulla questione dei migranti, il tema che ha consentito a Matteo Salvini, in un anno, di portare la Lega Nord a essere il partito più votato in Italia. Il Ministro dell’Interno ha saputo mettere in piedi la giusta propaganda, ma pian piano i nodi vengono al pettine e, soprattutto, gli alleati del Movimento 5 Stelle non ci stanno più a soprassedere.

Il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha infatti affermato al Corriere della Sera: “Quanto che sta accadendo in questi giorni si sarebbe potuto evitare. Lo avevo detto a Matteo Salvini: senza la missione Sophia torneranno le ong. Non ha voluto ascoltare e adesso si lamenta”.

La Trenta si riferisce agli scontri con la Sea Watch e la Mediterranea, in merito alla gestione dei quali c’erano stati scontri con il Viminale. Sul caso di Mediterranea dice:

“È sorprendente che ora Salvini torni ad attaccare i militari dopo che siamo stati noi a chiedere al Viminale se volevano supporto per il trasbordo dei migranti a Malta, visto che nessuno veniva a prenderseli. Abbiamo chiarito che con le nostre navi potevamo occuparci del trasbordo immediato dei migranti a Malta, quindi per portarli lontano dalle nostre coste visto che anche pubblicamente le autorità de La Valletta si erano dette pronte ad accoglierli. Eravamo a disposizione per il massimo sostegno, ci è stato detto che non serviva. Siamo rimasti a disposizione, pronti. Ma da quel momento non è più arrivata alcuna richiesta del Viminale. Salvini ha fatto una diretta social, ma istituzionalmente solo silenzio”.

Matteo Salvini ha perciò rifiutato una soluzione del problema, salvo poi attaccare a destra e a manca. Per quale motivo? A questo punto è evidente che manca un tassello, oppure qualcuno non dice tutta la verità. Sulla questione migranti si gioca gran parte del consenso elettorale. Un giocattolo che, se sfugge di mano, può davvero diventare un’arma a doppio taglio.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più