Sostegno alle famiglie, Reddito, fisco e lavoro: il programma di Giorgia Meloni

giorgia meloni
Giorgia Meloni

Le elezioni politiche 2022 hanno decretato la vittoria del centro destra e in particolare il trionfo di Fratelli d’Italia, primo partito eletto d’Italia, con la leader Giorgia Meloni che potrebbe diventare premier: i punti del suo programma, che potrebbero confluire in quello della coalizione, mettono al centro la tutela della natalità, dei lavoratori e dei fragili. Le proposte andranno discusse con Lega e Forza Italia per la stesura di un definitivo programma di coalizione.

Elezioni, vince Giorgia Meloni: i punti principali del suo programma

Nel corso della campagna elettorale la Meloni si è schierata più volte a favore di una rivisitazione del Reddito di Cittadinanza considerato sbagliato perché “mette sullo stesso piano chi può lavorare e chi non può farlo”. L’incentivo, dunque, potrebbe essere rivisto con l’intenzione di sostituirlo con misure di formazione e inserimento al mondo del lavoro. Al contempo, l’idea è quella di destinare somme più consistenti ai pensionati, gli over 60 senza reddito, gli invalidi e le famiglie con figli a carico prive di entrate.

Altro punto cruciale del suo programma è la riforma del fisco orientata soprattutto alla riduzione fiscale per famiglie, imprese e lavoratori autonomi. A questa si accompagnano il piano di sostegno alla natalità (prevedendo anche asili nido gratuiti), l’aumento dell’assegno unico, il sostegno alle famiglie con disabili, le politiche di conciliazione lavoro-famiglia per madri e padri (con particolare riguardo alla tutela del lavoro delle giovani mamme), le agevolazioni per l’accesso al mutuo per l’acquisto della prima casa per i giovani e nuove misure per genitori separati o divorziati in difficoltà economica.

Sul fronte del lavoro spicca il taglio del cuneo fiscale per imprese e lavoratori e la tutela del potere di acquisto dei cittadini di fronte alla crisi economica, oltre al taglio dell’IVA per intervenire sui rincari dei beni di prima necessità. Il piano prevede anche di limitare il lavoro irregolare. Ampio spazio anche al tema della sicurezza, con interventi di contrasto al fenomeno delle baby gang e la lotta alle mafie, ma anche al contrasto dell’immigrazione illegale e alla tutela della salute.


Potrebbe anche interessarti