Stipendi e diritti, la parità dei sessi non esiste in Italia. Donne più penalizzate al Sud

L’8 marzo le mimose e le manifestazioni femministe non mancano mai. Una domanda però sorge spontanea: oggi si può finalmente parlare di parità tra i sessi? Ci dispiace deludere quelli che “ormai hanno più diritti di noi… divorzia e ti prendono tutto”, ma sul piano lavorativo molti gap tra uomini e donne vi sono ancora. 

Il dislivello più grande lo si ha con i salari. Le donne (e in particolare al Sud) continuano a guadagnare meno dei loro colleghi uomini, a parità di orari e condizioni. Secondo la piattaforma tedesca Honeypot, il cosiddetto Gender pay gap italiano (differenza salariale tra i sessi) si aggira intorno al 5,5%. Qualcuno un po’ più informato potrebbe dire: “sì, ma non è niente rispetto al 19% del Regno Unito, al 18% circa degli Stati Uniti, al 15,8% della Francia e al 15% della Spagna”. Le cose non vanno proprio così.

La professoressa dell’università di Pavia  Luisa Rosti, intervistata dal Sole 24ore, spiega come questo indicatore non sia abbastanza preciso. La differenza nella retribuzione media oraria rappresenta solo una parte della disparità di retribuzione complessiva tra uomini e donne. Se si facesse invece riferimento alla retribuzione media annua, il differenziale si allargherebbe per il minor numero di ore lavorate della componente femminile. E il differenziale si allarga in misura anche maggiore se consideriamo il basso tasso di occupazione delle donne in Italia. In altri termini, la fascia oraria ristretta e il tasso di disoccupazione fanno sì che il gap aumenti.

Altro tema importante è quello del congedo parentale. Ha fatto scalpore la notizia di pochi mesi fa, la quale vede come protagonista il leader del movimento politico spagnolo Podemos. Dopo la nascita delle sue amate gemelline, Pablo Iglesias ha infatti deciso di rimanere a casa per occuparsi di loro e lasciando così per i 5 mesi di paternità la guida del partito alla moglie. Una scelta esemplare che ha aperto il dibattito sui congedi, il quale vede il nostro Paese abbastanza arretrato. 

In Italia infatti la materia dei congedi è regolata in modo differente. Dopo un periodo di incertezza legislativa, la legge di bilancio 2019 ha introdotto un congedo di paternità obbligatorio di 5 giorni (pochissimo rispetto ai 5 mesi spagnoli!), corrisposto con circa l’80% dello stipendio. Inoltre vi è un congedo parentale facoltativo che può essere utilizzato da ambo i genitori se lavoratori, con  una retribuzione pari al 30% dello stipendio fino agli 8 anni del figlio. Qui entra in scena la discriminazione. Dato che le donne guadagnano in media di meno, a doversi assentare dal posto di lavoro saranno sicuramente le madri. Così la decurtazione dal reddito sarà meno grave. Sembra così che il problema resti, al di là degli interventi del Governo.

A prescindere dai dati che ci tocca constatare, la cosa che crediamo sia peggiore è la poca attenzione dell’opinione pubblica sul tema. Durante la Festa della donna vi si accenna, ci si gira intorno e poi più nulla. Nelle altre nazioni civili invece, la differenza salariale e altre discriminazioni di genere sono argomenti all’ordine del giorno, in molti casi addirittura superati brillantemente. Cosa abbiamo noi che non va?

Fonti:
– Il Sole 24ore;
– Istituzioni di diritto del lavoro e sindacale, M. Esposito, L. Gaeta, R. Santucci, A. Viscomi, A. Zoppoli, L. Zoppoli.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più