Non solo musica: è la Pizza la protagonista del 70esimo Festival di Sanremo

sanremo pizza

Non soltanto la musica e i fiori. La 70esima edizione del Festival di Sanremo sarà ricordata anche per aver nella sua hospitality i sapori della nostra terra.

Protagonisti assoluti sono la pizza napoletana, la mozzarella di bufala e i fritti. Da domenica 2 a sabato 8 febbraio, all’interno della kermesse ‘Casa Sanremo’ saranno rappresentati i prodotti della tradizione culinaria napoletana. ‘Casa Sanremo Vitality’s ‘è uno spazio di 7.900 mq, ideata e realizzata dal Consorzio Gruppo Eventi del presidente Vincenzo Russolillo. Al suo interno ci saranno circa 340 eventi e format, molti dei quali aperti al pubblico. Tra questi showcase con artisti nazionali e internazionali, presentazione di libri, progetti di responsabilità sociale, prestigiosi premi nazionali e naturalmente un’area food.

Un riconoscimento importante vedere quindi nella città ligure i prodotti e i sapori della nostra terra, e non è il primo anno che ciò avviene. Saranno infatti gli chef dell’azienda “Sapori di Napoli” assieme ai maestri pizzaioli della Accademia Nazionale Pizza DOC a curare l’area food di ‘Casa Sanremo’.

Queste le parole di Antonio Giaccoli, patron dell’Accademia Nazionale Pizza DOC:

“Siamo orgogliosi di poter portare al Festival della canzone italiane le eccellenze della nostra terra. Per me questa è la prima volta che sono a Sanremo e abbiamo deciso di regalarci un palcoscenico unico al mondo”.

Soddisfazione viene espressa anche da Gennaro Galeotafiore, alla sua seconda esperienza ai fornelli di ‘Casa Sanremo’:

Torno molto volentieri a Sanremo dopo l’esperienza dello scorso anno. A differenza della scorsa edizione, però, riusciamo a portare tanto della tradizione culinaria della nostra regione. A Casa Sanremo ci saranno i fritti della tradizione napoletana, la pizza, le mozzarelle di bufala e tantissime altre eccellenze che ci inorgogliscono nel mondo. Grazie a Fofò Ferriere, vera anima dell’area food di Casa Sanremo, per averci dato nuovamente la possibilità di contribuire ad una manifestazione di altissimo livello”.

 

Alla kermesse ci saranno rappresentanti di spessore della tradizione napoletana conosciuti in Italia e all’estero come Salvatore Lioniello, Vincenzo Fotia, Gaetano Carponi, Claudio Paduano e tanti altri pizzaioli dei team regionali della Calabria e della Puglia, oltre ai docenti dell’Accademia.

 

Potrebbe anche interessarti