Giugliano brucia ancora: nube nera e tossica visibile da chilometri

Giugliano – Mentre la Prefettura discute su un piano per contrastare i roghi e il Comune si prepara ad un’importante riunione sullo stesso argomento, Giugliano torna a bruciare con un nuovo ed imponente incendio. Il rogo dovrebbe essere divampato, secondo Teleclubitalia.it, in via Selva Piccola, nella zona di Casacelle. A prendere fuoco è stato del materiale plastico, come si evince anche dalla colossale nube nera e dall’odore tossico che sta permeando l’aria.

Probabilmente, vista la zona, l’incendio potrebbe essere avvenuto nei pressi di un ex deposito giudiziario che già lo scorso anno era stato teatro di un violento rogo. I vigili del fuoco sono già sul posto, ma l’intervento sta richiedendo grandissimi sforzi umani e di mezzi. Secondo Youreporter alcuni pompieri intervenuti sarebbero stati feriti da alcune esplosioni causate dal fuoco.

Intanto, studenti ed insegnanti del V Circolo didattico e del Liceo Cartesio, entrambe le strutture vicinissime alla zona interessata dalla nube di fumo, sono stati costretti a barricarsi nelle aule chiudendo porte e finestre per non venire intossicati e per non dover sopportare l’odore nocivo di plastica bruciata.

Foto di repertorio

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più