Haaland, Mertens o Ibrahimovic: il Napoli pensa al futuro attaccante

Haaland, Mertens e Ibrahimovic. Il giovane, il folletto e il taekwondista del calcio. Tre attaccanti che potrebbero far a caso del Napoli per le prossime stagioni. Anche se tra la forza fisica di Haaland e l’estro infinito di Ibra, c’è ancora chi crede nelle bandiere. Mertens, con i suoi gol, è infatti entrato non solo nella storia, ma anche nei cuori azzurri.

ERLING HAALAND – Lo abbiamo visto tutti nella partita di Champions tra Salisburgo e Napoli. E lo ha visto bene anche Koulibaly. Neanche con Salah e Mbappè, il difensore azzurro era stato così in difficoltà. Una stazza fisica (un metro e 94 cm) non indifferente per il norvegese al quale però va riconosciuta anche un’altra dota: la velocità. Freddezza e buona visione del gioco le altre sue caratteristiche che lo hanno portato ad essere per il momento, con 6 gol, il capocannoniere della Champions. Su di lui, già lo scorso anno, c’era stato un interessamento della Juventus, rifiutato dall’attaccante.

Classe 2000, la Uefa lo ha considerato tra i 50 giovani più promettenti per la stagione 2019/2020 e ci ha visto giusto. Il suo contratto con il Salisburgo scade nel 2023 ma De Laurentiis è pronto a un’offerta importante. “Il Napoli mi vuole? Chiedetelo a loro…” ha risposto il norvegese nel post partita. E intanto fioccano i paragoni per l’attaccante che nel suo gioco si ispira a un altro nome vicino agli azzurri:

“Imparando dal migliore: Zlatan Ibrahimovic”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Learning from the best @iamzlatanibrahimovic

Un post condiviso da Erling Braut Haaland (@erling.haaland) in data:

ZLATAN IBRAHIMOVIC – Non servono parole per descriverlo. Basterebbe vedere la statua in suo onore a Malmoe. Ma l’attaccante svedese, nonostante i suoi 38 anni, continua a segnare e far parlare di sé. Fisico asciutto, forza mentale e capacità tecniche non indifferenti fanno di lui un giocatore unico nel suo genere. Lo sa bene Carlo Ancelotti che lo ha allenato al Paris Saint Germain. Un amore tra i due che continua anche a distanza di anni e che vede lo svedese accostato alla squadra azzurra.

Un interesse non nascosto dal Presidente De Laurentiis: “Desidero Ibra al Napoli, ma dipende da lui”. E Ibra vuole l’Europa. Nella nottata il suo Los Angeles Galaxy è stato eliminato nei quarti di finale di playoff e l’attaccante è ora sul mercato. Il suo contratto infatti scade a fine anno, il 31 dicembre. E la sua voglia di andare via c’è tutta, come confermato nell’intervista post gara:

“Questo stadio è troppo piccolo. Io sono abituato a giocare davanti a 80 mila spettatori. Che farò l’anno prossimo? Non lo so. Se resto sarà un bene per la Mls perché così tutto il mondo la seguirà. Se vado via nessuno si ricorderà della Mls”.

Uno svincolato che potrebbe far a caso della squadra partenopea.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

We are Zweden!!!

Un post condiviso da Zlatan Ibrahimović (@iamzlatanibrahimovic) in data:

DRIES MERTENS – Per lui parlano i numeri, 116 gol con la maglia del Napoli in tutte le competizioni. Superato Maradona e a meno 5 dal record assoluto di Marek Hamsik. Un amore, quello tra il belga e i tifosi partenopei, che si conferma dopo ogni gara. Ciro, come lo ha soprannominato tutto lo stadio è di fatto un ‘napoletano’.

Un trascinatore e forse il vero capitano di questa squadra, dentro e fuori dal campo. Vive a Posillipo, sponsorizza la città con amici, giocatori e parenti e non perde occasione per affermare la bellezza della città di Napoli. Sul campo, da quando Sarri lo ha spostato come prima punta, non si è più fermato. Nonostante il suo metro e 69cm di altezza ha segnato gol su gol portando il Napoli in alto. A giugno il suo contratto scadrà. Su di lui c’è forte l’interessamento di alcuni club cinesi. De Laurentiis però non vuole spendere una fortuna per il suo rinnovo:

“Mertens e Callejon? Io non sono assolutamente disposto a fare uno sforzo importante. Secondo me ogni giocatore ha un suo valore, a seconda di dove gioca e come gioca, e di che età ha e in che ruolo gioca. Se poi ad un certo punto vuole andare a fare le marchette in Cina perché viene strapagato per vivere due o tre anni di mer..a. Questo è un problema suo nel quale io non posso entrare”.

In sua difesa anche Diego Maradona che è per il rinnovo del folletto belga.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

What a night 😍

Un post condiviso da Dries Mertens (@driesmertens) in data:

Tre nomi sui quali è difficile dare una preferenza ma che potrebbero dare più di una mano in attacco il prossimo anno.

Potrebbe anche interessarti