Diffuso l’allarme su Facebook: “Attenti a quei due sull’auto grigia”

panda_grigia

Un allarme diffuso su Facebook e diventato virale: “Attenti a due uomini in una Lancia Lybra, grigia station wagon, sono ladri di auto“. Secondo Il Mattino, a questo sono accompagnati i numerosi episodi di furti e rapine, in auto ed in appartamento nel comune di Pollena Trocchia.

La gente è terrorizzata e teme di uscire di casa: “Oramai anche in pieno giorno – dice Giuseppe, un residente – una volta questo quartiere residenziale era tranquillo, ci si conosceva tutti e non avevi il timore di lasciare l’auto in sosta sotto casa. Oggi – continua – esci di casa temendo di essere avvicinato e rapinato“. Qualche testimone ha dichiarato di aver visto i ladri fuggire a bordo di una Lancia Lybra station Wagon, grigia.

La zona del rione Tartaglia e non solo, è controllata dai carabinieri della tenenza di Cercola. L’allarme sul social network è stato lanciato da un cittadino, A.C., qualche giorno fa. Egli racconta di essere stato vittima e testimone di una rapina: “Se vi capita di vedere una Lancia Lybra grigia station wagon con due uomini a bordo, stranieri forse romeni o bosniaci sui 40 anni. Sono ladri di auto – scrive – venerdì li ho beccati vicino alla mia macchina nel rione Tartaglia, verso le ore 15, per fortuna sono riuscito ad allontanarli. Dobbiamo aiutarci e segnalare ogni minimo sospetto affinché mettono più controlli“, ha scritto.

Lo scorso fine settimana un gioielliere 71enne, mentre usciva dalla propria abitazione, è stato avvicinato da una coppia: “Erano un uomo e una donna e si sono qualificati come carabinieri“. La vittima non ha avuto sospetti ed è rientrato in casa, dove era presente anche la moglie, insieme ai finti carabinieri. L’uomo ha estratto la pistola mentre la donna ha fatto entrare altri due complici con il volto coperto da un passamontagna. Hanno costretto la vittima ad aprire la cassaforte e hanno rubato 1.200 euro in denaro contante e diversi gioielli, bracciali e anelli del valore di 2mila euro circa. Poi sono fuggiti in auto.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più