Grande successo per il Centro Ricerche Tartarughe: già oltre 30.000 prenotazioni

Un successo enorme ha avuto l’evento di ieri che ha inaugurato il “Centro Ricerche Tartarughe Marine di Portici e Osservatorio del Golfo di Napoli”, realizzato grazie alla collaborazione tra la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e la Fondazione Dohrn.

La sede nasce nell’ex mattatoio nel porto del Granatello e si sviluppa su 600 mq coperti e più di 7000 mq scoperti, ed è stata completamente riadattata a scopi scientifici grazie ai fondi della Regione Campania.

All’apertura erano presenti le Istituzioni Comunali di Portici e numerosi visitatori che, da oggi, potranno percorrere il centro attraverso percorsi didattici multimediali, oltre ai laboratori dedicati alla cura delle tartarughe marine e alle analisi ambientali.

Per quanto riguarda la modalità di prenotazione, essa potrà essere effettuata attraverso un sistema di prenotazione telematico. Tutti i biglietti sono però sold out fino a giugno essendoci già oltre 30.000 prenotazioni da tutta Italia ed Europa, come riporta Repubblica.it.

Durante il corso della visita si potranno ammirare i nuovi acquari tematici, pensati per far conoscere a tutti i problemi ambientali che affliggono il Mar Mediterraneo e per poter seguire le migrazioni e il comportamento delle tartarughe marine rilasciate dopo le adeguate cure di riabilitazione.

La visita parte da sei acquari tematici presenti all’ingresso, in cui vi sono anche modelli in dimensioni reali dei grandi vertebrati marini. Poi si accede alle vasche che ospitano le tartarughe marine in cura al Centro di recupero prima di essere liberate dopo la riabilitazione.

I bambini vedranno solo le tartarughe pronte a tornare libere, quelle in condizioni gravi saranno curate in un’ala protetta del centro, dove c’è anche una sala chirurgica e radiologica dedicata.

La Fondazione Dohrn, spin-off della Stazione Zoologica, gestirà i rapporti con il pubblico con progetti che coinvolgeranno gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, oltre a tutti coloro che sono interessati a collaborare anche con le realtà già presenti sul territorio.

«Siamo orgogliosi di annunciare l’apertura ufficiale al pubblico del Centro Ricerche Tartarughe Marine di Portici. Un simbolo per l’attività di Ricerca, poichè le Tartarughe Marine rappresentano delle vere sentinelle circa la salubrità dell’ecosistema marino» ha spiegato Roberto Danovaro, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn.

«Con questo ulteriore traguardo raggiunto insieme dalla Fondazione Dohrn e dalla SZN, con la sinergica collaborazione con il Comune di Portici, siamo felici di ospitare e educare con le nostre prossime iniziative tutte le nuove generazioni. La mission è quella di sensibilizzare le giovani leve alla tutela e salvaguardia del mare, sottolineando che qui, come Osservatorio del Golfo di Napoli, daremo determinanti spunti di ricerca, oltre che di divulgazione scientifica».

Potrebbe anche interessarti