A Napoli la pizzeria che ha un’opera d’arte come forno a legna: decorato con 7mila tappi

La pizzeria e trattoria al 22 situata presso la Pignasecca ha riaperto oggi, lunedì 28 ottobre, dopo un anno di restyling. Il titolare Gianni Improta, ha voluto un’opera d’arte tutta partenopea all’interno del suo locale, che riprende cerchi e volte raffigurate nelle mattonelle di arredo.

Così la componente principale della pizzeria e trattoria al 22, il forno a legna, si trasforma in un’opera d’arte e viene ricoperto da ben 7 mila tappi.

Per realizzare tale opera sono stati usati tappi di birre, acqua e bibite: un’operazione anche di riciclo creativo e riuso, dal momento che molti tappi erano stati conservati da anni proprio da Improta.

La lavorazione e sistemazione dei tappi sul forno è opera dell’artista napoletano Luigi Masecchia, in arte Tappost. Masecchia ha creato quadri che ora si trovano in tutto il mondo, in locali e case private, con diversi soggetti tra cui Totò  (realizzò un suo ritratto con ben 5 mila tappi) e di recente ha consegnato un’opera anche a Jovanotti. Nelle prossime settimane l’artista esporrà a Londra le sue creazioni.

Potrebbe anche interessarti