Mozzarella Campana, addio plastica: arriva un nuovo involucro che distrugge i batteri

È stato scoperto un nuovo polimero plastico in grado di allungare l’arco di conservazione della mozzarella di bufala campana dop e di tenerla lontana dai batteri. In questo modo viene abbattuto il rischio di contaminazione per i consumatori. Questo nuovo materiale permetterà di trasportare la mozzarella ovunque nel mondo, dato che la richiesta di esportazione è aumentata del 20% negli ultimi tre anni.

A spiegare la straordinaria capacità di questa proteina naturale in grado di proteggere gli alimenti da imballaggi e contenitori di plastica, è stato il presidente della società di ricerca napoletana ed ex Ministro Luigi Nicolais. L’ex presidente del Cnr ieri è intervenuto all’incontro organizzato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop alle ex Cavallerizze di Caserta.

LEGGI ANCHE
Straordinaria scoperta sotto Villa Rosebery: un segreto custodito da più di 100 anni

“Il nuovo poliestere – spiega Nicolais ad ansa.it – lo abbiamo già brevettato, ed entro un anno, contiamo di mettere in produzione i contenitori per la mozzarella. L’idea principale – prosegue l’ex Ministro – è di fare in modo tale che alcuni peptidi si leghino al film in poliestere del contenitore; si tratta di peptidi che si possono mangiare e hanno grande attività contro i batteri, ovvero rompono la loro membrana uccidendoli”.

Tale brevetto, grazie anche ai ricercatori della società Materias, è stato sperimentato in laboratorio insieme all’Università Federico II di Napoli e garantirà una maggiore sicurezza per i consumatori.

Tra un anno, infatti, il brevetto verrà messo a disposizione anche a livello industriale per permettere così alla filiera della Dop di avere degli imballaggi sottili capaci di garantire freschezza prolungata del prodotto e tutela della salute e dell’ambiente.

LEGGI ANCHE
Rivoluzionario studio napoletano: scoperta l'origine delle allergie alimentari

Potrebbe anche interessarti