Saviano contro Salvini: “Cosa va a fare a Mondragone? Dovrebbe dire perdonatemi”

salvini saviano

E’ Roberto Saviano show contro Matteo Salvini. Lo scrittore ha attaccato apertamente la visita che il leader della Lega farà nel pomeriggio a Mondragone. Nessun aiuto concreto, ma solo campagna elettorale in vista del voto di settembre. La situazione nella città casertana sembra infatti essere rientrare, come annunciato dal governatore Vincenzo De Luca: non ci sono tamponi positivi nei residenti dei palazzi Ex Cirio tra quelli esaminati.

Matteo Salvini però oggi sarà lo stesso a Mondragone e ciò ha portato Saviano a commentare su twitter e ai microfoni di ‘Fanpage’ questa scelta:

“Salvini dovrebbe dire un’unica cosa: perdonatemi”. 

“Perdonatemi per aver sempre cercato un nemico per legittimare la mia esistenza in politica; prima eravate voi meridionali, poi però mi è servita la vostra rabbia che si è trasformata in voti e quindi ho creato un nuovo nemico che potesse essere mio ma anche vostro: lo straniero. Perdonatemi per aver messo me stesso e le mie ambizioni politiche, davanti a tutto, finanche alla sicurezza e alla salute degli italiani. Eh sì, perché il virus dilaga dove mancano diritti e chi blocca diritti ne è responsabile”.

Nel video poi Saviano spiega come si aspettava questa scelta da parte di Salvini:

“Mi aspettavo questo annuncio. E’ sempre attirato da situazioni dove la sua presenza può solo peggiorare le cose e mai migliorarle. Matteo Salvini a Mondragone va a fare cosa? A vomitare la sua bile sui lavoratori immigrati? Citofonerà agli abitanti delle palazzine ex Cirio e dirà lo so che in questa casa abita un positivo al virus (come fece con il tunisino, lei è uno spacciatore? ndr). Cosa dirà agli abitanti delle palazzine? Che devono farsi le valige e tornare a casa loro? A legittimare chi brucia le auto con le targhe bulgare? Non pronuncerà l’unica parola che dovrebbe pronunciare: perdonatemi”.

Potrebbe anche interessarti