Covid, Campania seconda per numero di pazienti in terapia intensiva. Il dott. Parrella: “Si è alzata l’età dei ricoveri”

covid terapia intensiva

La Regione Campania, secondo gli ultimi dati diffusi dal Ministero della Salute, è seconda in Italia per numero di pazienti affetti da covid-19 e ricoverati in terapia intensiva. Prima è la Lombardia con 28 persone in terapia intensiva, segue la Campania a 19. 18 in Emilia e in Toscana, poi 17 quelli nel Lazio per un totale di 197 persone.

La situazione al momento non preoccupa i medici campani dato l’elevato numero di persone asintomatiche e il tasso di mortalità che si è ridotto. Queste le parole di Roberto Parrella, Direttore Malattie infettive a Indirizzo respiratorio dell’ Ospedale Cotugno di Napoli, intervistato nell’edizione odierna del TgTre Regione Campania:

“In Campania abbiamo 286 persone ricoverate, 3699 quelle invece in isolamento domiciliare. Al momento sono 19 i pazienti ricoverati in terapia intensiva ma registriamo anche meno decessi. Abbiamo attivato l’allerta al Cotugno ma registriamo casi in tutta la Campania. Il livello di gravità è di tipo moderato. Dobbiamo essere attenti alla seconda fase con casi di trasmissione a pazienti più anziani che stiamo avendo ora. L’età media si è alzata perché il contagio partito dai ragazzi si è esteso ai loro famigliari adulti. In questi mesi abbiamo notato come il virus aggredisca non solo i polmoni ma anche il cuore e il pancreas. Stiamo attenti a localizzazioni del problema, nella prima fase è venuto fuori questo interessamento del virus che può colpire diversi organi oltre il polmone e ora monitoriamo e usiamo farmaci mirati”.

Un esempio di un decesso causato dal covid che ha colpito altri organi è quello che riguarda un’insegnate 57enne di Fuorigrotta, morta per un arresto cardiaco. Da inizio pandemia in Campania, sono 452 le persone che sono decedute per questo virus.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più