Nuovo Dpcm, la bozza: parrucchieri chiusi in zona rossa, no alle riaperture serali dei ristoranti

mario draghiLa bozza del nuovo Dpcm, che rimarrà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile 2021, è stata diffusa. Il nuovo esecutivo ha deciso di mantenere la linea di rigore del precedente Governo introducendo alcune novità.

Bozza Dpcm del 6 marzo 2021: cosa cambia

Tra queste, la chiusura di barbieri e parrucchieri in zona rossa, in contrasto col precedente provvedimento. Dal testo, reso noto dall’Ansa, si legge: “Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell’allegato 24″. In questo, tuttavia, non vengono citati i servizi resi all’interno dei saloni di barbieri e parrucchieri”.

Altro punto chiave è l’esclusione delle aperture serali per bar e ristoranti. Sia gli esponenti di settore che alcuni esperti, compreso Pierpaolo Sileri, attuale sottosegretario alla Salute, avevano ribadito la necessità di tenere aperti i locali anche per la cena. Nella bozza, tuttavia, si evidenzia: “Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle 5 alle 18”.

Le regole rimangono invariate: al tavolo sono ammesse massimo 4 persone, purché conviventi, e dopo le 18 il consumo di cibi e bevande in luoghi pubblici è vietato. Resta consentita senza limiti la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive per i soli clienti che vi alloggiano.

Tra le novità spicca il via libera a cinema, teatri e musei anche nel weekend, a partire dal 27 marzo. Una decisione già preannunciata dal Ministro per i beni culturali, Dario Franceschini, e che necessita dell’approvazione di un nuovo protocollo di sicurezza.

Restano sospesi gli eventi che implichino assembramenti in spazi chiusi o aperti. Dunque fiere, congressi e discoteche resteranno chiuse anche in zona bianca. Le attività didattiche si svolgeranno in aula per scuole dell’infanzia, elementari e medie. Per le superiori, invece, sarà in presenza almeno al 50% e fino ad un massimo del 75%. Intanto in Campania, il Presidente De Luca, ha già annunciato la chiusura delle scuole da lunedì.

Estese le chiusure per palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e termali. Consentito, invece, lo sport all’aperto. Anche le piste da sci resteranno chiuse fino al 6 aprile così come sale giochi, scommesse e parchi divertimento.

Nessuna novità sul fronte del coprifuoco. La misura del divieto di circolare dalle 22 alle 5 sarà prorogata fino al 6 aprile. Le misure saranno valide anche nei giorni di Pasqua e Pasquetta.

Infine, è istituito presso il Ministero della Salute un tavolo tecnico di confronto per discutere sull’eventuale revisione dei parametri di rischio che potrebbero apportare delle modifiche al sistema dei colori.

Potrebbe anche interessarti