Medico vaccinato positivo al Covid 19: avrebbe contratto la variante inglese del virus

avellinoIl dott Mario Marino, sessantacinque anni, medico vaccinato, è risultato positivo al covid 19. Lo riporta ilcorrieredelmezzogiorno in un’intervista. Il 29 Gennaio aveva ricevuto la seconda dose del siero Pfizer. Dalla rapidità con cui si sono presentati i sintomi potrebbe aver contratto la variante inglese del virus. Stanno verificando l’ipotesi al Cotugno con appositi esami.

Il dottore, doppio studio in Irpinia, a Montemarano e Castelvetere è adesso in isolamento, lontano dalla compagna e da uno dei figli. Anche se in casa.

Crede di essersi contagiato martedì scorso, quando ha soccorso un’anziana signora caduta dal letto. Con lei c’era il marito, sapeva che fossero entrambi positivi. Era andato da loro indossando la tuta anti contagio e sicuro di essere protetto dal vaccino. Ciò nonostante, venerdì scorso ha avvertito i sintomi e ha quindi fatto il tampone privatamente. Non poteva aspettare ulteriormente, avrebbe potuto infettare altri medici e pazienti.

I medici, in questo periodo così difficile e grigio sono quelli in prima linea e per il dott. Marino questo lavoro è una missione. Lui che ha lavorato anche alla Asl, si è dimesso e ha scelto di tornare in corsia. Ha curato tantissimi pazienti Covid, anche da casa e adesso si sta curando da solo, prendendo Calciparina perché in sovrappeso e antibiotico Zitromax. Molti colleghi si sono offerti di seguirlo.

Sul nuovo piano che sta approvando il nuovo commissario per l’emergenza Figliuolo si pronuncia così al corriere: «meno burocrazia e più medicina. Se mi dessero l’ok e le dosi necessarie, in tre giorni vaccinerei tutti i miei pazienti: la mattina ricette e pomeriggio vaccinazioni. Come me farebbero tutti i medici che conosco: non capisco chi si rifiuta». E suggerisce di coinvolgere di più i medici di base.

Al caso del dottor Marino si aggiunge anche quello che ha coinvolto un’infermiera del San Giuseppe Moscati di Avellino regolarmente vaccinata, colpita dalla variante inglese del virus; pure una collega del dott. Marino, dell’Asl di Avellino, è la terza positiva, nonostante l’applicazione del protocollo nazionale.

Potrebbe anche interessarti