De Luca: “Campania bianca, vogliamo tutti tornare alla vita ma manteniamo in funzione il cervello”

de luca campania biancaIl governatore della Campania, Vincenzo De Luca, si è soffermato con la stampa per parlare della nuova sanità. Un piano di tre anni che si potrà realizzare con i fondi del Pnrr ma che presenta alcune criticità. Durante la conferenza, il presidente ha anche annunciato il passaggio della Campania in zona bianca.

DE LUCA ANNUNCIA LA CAMPANIA IN ZONA BIANCA

Queste le parole di De Luca che annuncia il passaggio della Campania alla zona bianca:

Abbiamo definito il piano della Campania per le case di comunità. Un’occasione straordinaria per rinnovare le tecnologie e dare avvio agli screening oncologici, digitalizzare la sanità campana. Durante la pandemia c’è stato un affaticamento degli interventi ma credo che le Usca abbiamo fatto miracoli, nella fase montante della quarta ondata ci siamo trovati di fronte a una domanda di decine di milioni di nostri cittadini. Credo che abbiamo retto bene, il fatto che torniamo in zona bianca è la conferma che abbiamo retto in maniera eccellente la quarta ondata covid. Suggerisco ai nostri concittadini di non perdere la testa, di essere prudenti. Siamo tutti stanchi, abbiamo tutti voglia di tornare alla vita ma abbiamo il dovere di mantenere in funzione il cervello. Nessuno è in grado di dire cosa succederà a ottobre, già la scorsa primavera siamo tornati alla vita e poi abbiamo trovato una variante che ci ha messo in croce. La campagna di vaccinazione non può non avere un effetto positivo anche in caso di nuova ondata ma abbiamo un covid estremamente insidioso.

Ma non dobbiamo angosciarci, godiamoci questo ritorno alla vita. Se manteniamo le mascherine non è un grande sacrificio, rimaniamo prudenti. Torniamo alla vita avendo sempre un elemento di prudenza nella testa. Sul turismo, sapere che i clienti sono controllati è una cosa che incoraggia e rassicura. Se non abbiamo un positivo in Italia togliamo tutto e andiamo a galazzare ma siccome la situazione non è stabilizzata, eviterei di ideologizzare il green pass. E’ uno strumento di garanzia in più. Ricordate sempre che abbiamo 5 milioni di italiani non vaccinati“.

Sulla Guerra:

Se la Russia interrompe le forniture, ci deve essere solidarietà da tutto il mondo all’Italia. Nessuno può immaginare che l’Italia vada avanti senza gas, a Putin bisogna chiedere moderazione. Non comprendo questa insistenza, l’Ucraina è ai confini della Russia. Nel ’63 quando i russi hanno messo i missili a Cuba, gli stati uniti hanno bloccato l’isola. Dovremmo tener conto di questa esigenza di sicurezza, dobbiamo lavorare per un cessate il fuoco. Questa mattina si è visto il bombardamento delle città, questo è intollerabile“.

Potrebbe anche interessarti