Rifiorisce la cultura con “Ricomincio dai libri”

villa-bruno-san-giorgio-a-cremano-621x320

Il 20 settembre dopo l’allarme bomba e ore di lunga e agitata attesa, alle dodici è stata allestita la fiera “Ricomincio dai libri terminata domenica 21 settembre con un party di chiusura. Quest’iniziativa di promozione culturale è stata fin dall’inizio ostacolata da una segnalazione di pericolo destato dalla presenza di un ordigno all’interno di Villa Bruno, luogo prescelto per l’organizzazione dell’evento. L’ingresso gratuito, la presenza di laboratori, workshop, autori e case editrici hanno assicurato l’attenzione di molti appassionati di libri e dei curiosi che dopo l’allarme si sono interessati al contenuto della fiera. Attesissimo era l’incontro con Padre Maurizio Patriciello che purtroppo a causa di un lutto familiare non è potuto essere presente alla presentazione del suo libro. Il suo nuovo appello sulla questione della Terra dei Fuochi ha testimoniato però la sua presenza concreta e sempre attiva.

Tuttavia la fiera, nonostante i disagi, ha riscosso un gran successo grazie ai numerosi laboratori come quello di scrittura creativa tenuto da due docenti della scuola “Narrazioni” o anche il laboratorio di riuso creativo; le presentazioni di differenti libri come “Rosso caldo” di Patrizia Rinaldi, la “Mammana” di Antonella Ossorio, “Cognomi vesuviani” di Pietro Di Stasio e tanti altri; piccoli concerti musicali sulle note di Julce Rescigno, Enzo Fiorentino, il duo Cecere – Mauriello; premiazioni per il contest “ Ricomincio dai libri perché” e “Nanoracconti” ed inoltre  laboratori per i più piccoli.

fiere del libro, San giorgio a Cremano

La fiera ha raccolto dunque sia cultori dei libri ma anche giovani e piccini che si sono divertiti ascoltando la musica, partecipando ai laboratori e correndo nei i giardini della villa che paradossalmente conserva le sue statue completamente imbrattate da vernici colorate e il palco dell’anfiteatro semidistrutto. Molto interessante e accesa è stata la conversazione sulla condizione socio-culturale della donna tenutasi al Piano Nobile della villa organizzata dall’associazione Progetto Donna 2000 con la presenza della professoressa Maria Falbo e la presentazione di tre romanzi tutti al femminile: “Alterego” di Caterina Impagliazzo, “Goccia di fuoco” di Rita Perrotta e “ Tutte noi abbiamo un mister Big” di Oriana de Iulio.

Tra i partecipanti alla discussione vi era anche l’Associazione “Spazio donna onlus telefono rosa” di Caserta, professoresse, ex insegnanti e giovani donne con tanta voglia di esprimere in un ampio dibattito il proprio parere sul disagio di essere donne, madri e lavoratrici  in una società ancora patriarcale che non offre alcun aiuto concreto alle donne che vorrebbero conciliare il loro diritto di maternità con la loro carriera. Altri temi del dibattito sono state le statistiche paurose riguardo il numero dei femminicidi in Italia, la mancata sinergia tra le donne che vivono una perenne competizione tra loro, l’educazione e la giusta forma mentis che dovrebbe acquisire un ragazzo durante il suo percorso, il legame morboso che oggi coesiste tra madre e figlio ed infine la formazione scolastica che dovrebbe prevenire certi comportamenti nei giovani ragazzi. Grazie alla presenza di tutti i partecipanti e degli organizzatori della fiera, “Ricomincio dai libri” ha voluto promuovere la cultura del Sud che purtroppo viene spesso denigrata. I grandi talenti della zona sono perlopiù costretti ad emigrare all’Estero a causa di un’Italia che offre pochissime risorse ai giovani napoletani.

Potrebbe anche interessarti