Avvocatessa si concede al giudice per vincere la causa: entrambi arrestati

Processo tribunale, avvocatessaLa procura di Salerno ha arrestato per corruzione il Giudice Marco Pretini e l’avvocatessa M. T. con l’accusa di rapporti sessuali in cambio di sentenze favorevoli.

Il giudice Marco Pretini è il presidente di sezione della Corte d’appello di Catanzaro. Ogni volta che in aula c’era una causa con l’avvocatessa qualche dubbio sorgeva: il rapporto non era un semplice rapporto tra un giudice ed un avvocato, bensì molto più intimo.

I due infatti avrebbero avuto alcuni rapporti sessuali in cambio di favori per l’avvocatessa. In ben 3 occasioni quindi l’avvocatessa avrebbe fatto fondamento non sulla causa in sé e per sé, ma sulla figura del giudice.

Il tutto è stato ripreso da alcune telecamere all’interno dell’ormai sala hard del giudice. Il pagamento, o meglio la corruzione avveniva quindi in natura, ma l’intensità del rapporto e la sua riuscita erano legati all’importanza del favore. Alcune volte infatti i due si sono solo scambiati delle effusioni, delle carezze.

Ma questo non è tutto, perché le telecamere avrebbero ripreso anche una terza figura. Un’altra avvocatessa che avrebbe pagato, in questo caso in contanti, il giudice per avere una sentenza a proprio favore.

Si tratta di migliaia di euro o addirittura in alcuni casi di piccoli favori, di regali. Un week end fuori, del cibo, del buon vino e chi più ne ha più ne metta.

Fatto sta che questa vicenda ha alzato un polverone perché tutte le sentenze di questo giudice dovranno essere riesaminate nell’interesse degli imputati.

Potrebbe anche interessarti