Incidente a San Gennaro Vesuviano: ancora gravi Pasqualina e il marito

L’incidente avvenuto a San Gennaro Vesuviano ha sconvolto profondamente i napoletani e non solo. Uno degli aspetti più terribili della vicenda è la morta di una giovane donna di 27 anni, di nome Natalia. Dopo l’incidente a San Gennaro Vesuviano, inoltre, Pasqualina, sorella di Natalia, è stata costretta a partorire al settimo mese di gravidanza: lei e il marito Giacomo, secondo quanto riporta Il Mattino, sono ancora gravi.

Le condizioni della neonata fatta nascere prematuramente restano fortunatamente stabili. La piccola è ricoverata nella terapia intensiva neonatale del Moscati di Avellino, dove è sottoposta a trattamento ipotermico per contrastare un’encefalopatia. Tuttavia, i suoi genitori sono ancora in pericolo di vita, nonostante alcuni piccoli miglioramenti.

Pasqualina, la mamma della piccola, è stata sottoposta alla ricomposizione degli arti inferiori. La donna presenta un trauma multiplo al bacino, la frattura del braccio e quella della spalla destra. Nel frattempo la donna è stata estubata, e ora respira spontaneamente. I medici non hanno rilevato danni dal punto di vista neurologico.

Pasqualina e il marito Giacomo lottano tra la vita e la morte, ricoverati rispettivamente nei nosocomi di Sarno e Castellammare di Stabia, dove sono stati portati dopo l’incidente. Intanto, due delle tre persone ricoverate all’Ospedale di Nola sono state dimesse, tra cui il fidanzato di Natalia.

 

Potrebbe anche interessarti