Arrestato il sindaco di Marigliano: l’accusa è di voto di scambio

Marigliano. Arrestato il sindaco Antonio Carpino dai Carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Castello di Cisterna. L’accusa rivoltogli è quella di scambio elettorale politico-mafioso e corruzione elettorale aggravata dal metodo mafioso in concorso con i collaboratori di giustizia Cristiano Piezzo e Massimo Pelliccia.

L’ordinanza è stata eseguita dai militari in applicazione di una misura cautelare personale di custodia in carcere, emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda partenopea, nei confronti dello stesso sindaco e di Luigi Esposito, attualmente detenuto al 41 bis. Quest’ultimo ritenuto indiziato dello stesso reato. Oggetto dell’indagine sarebbero alcuni episodi risalenti al periodo che va dall’ottobre 2014 al giugno 2015.

Il sindaco, eletto nel 2015, ha già annunciato che avrebbe preso parte alle elezioni del 20 e 21 settembre prossimo per avere un secondo mandato. Stando a quanto appena successo, probabilmente dovrà rinunciarci.

Potrebbe anche interessarti