Confcommercio contro De Luca: “Discoteche sicure. Le feste si faranno in locali abusivi”

L’ordinanza di De Luca che vieta le feste al chiuso ha già prodotto le prime chiusure di locali e scatenato le proteste delle attività, che ancora una volta devono pagare il prezzo più alto della pandemia. Anche Confcommercio Campania si è espressa contro i recenti provvedimenti adottati dal governatore De Luca. Queste le parole di Alfonso Amoroso, presidente del Sib-Confcommercio:

Ancora una volta ci si accanisce contro il settore come fosse l’unico a determinare il diffondersi della pandemia. Con quest’ultima ordinanza regionale, si vietano le feste e si chiudono locali da ballo e discoteche: ciò rappresenta l’ennesima stangata finale per un settore che, dall’inizio del lockdown, ha perso il 30% delle imprese che hanno chiuso definitivamente a causa della prolungata sospensione.

L’attività dei locali da ballo e discoteche è ripresa solo l’11 ottobre con ingressi contingentati e norme rigorose sul distanziamento che i locali in regola rispettano attentamente, poi è giunto il tampone, il green pass ed il green pass rafforzato, ove pertanto, la sicurezza dei clienti e dei lavoratori è stata garantita.

Questo stesso scenario non avviene nelle strutture non idonee al pubblico intrattenimento e nelle centinaia di party illegali che sono fioriti ovunque per aggirare le regole. Con la nuova ordinanza si rischia di peggiorare la situazione: le feste si faranno in locali abusivi e non idonei e senza alcuna garanzia di sicurezza, mentre gli esercizi in regola, gli unici in grado di garantire il rispetto delle regole e tutelare la salute dei clienti, saranno costretti all’inattività.

Amoroso sottolinea dunque l’impegno di Confcommercio nel far rispettare le norme anti-covid e nel promuovere il vaccino, secondo una linea condivisa dallo stesso De Luca. “Confcommercio ha sostenuto con forza la campagna vaccinale, condividendo la necessità di garantire la ripresa delle attività economiche attraverso una indispensabile conciliazione tra svolgimento ordinario delle attività e tutela della salute pubblica.

Ricordiamo che, tuttora, l’attività dei locali da ballo, come per tutte le altre attività, è consentita in tutta Italia, nel rispetto delle rigorosissime norme elaborate dal CTS e, quindi, non si comprende perché solo il settore del pubblico spettacolo e solo in Campania che è ancora in zona bianca, debba sottostare ad ulteriori limitazioni che di fatto equivalgono ad un blocco dell’attività, proprio nel periodo delle festività che per tante imprese rappresenta una indispensabile boccata d’ossigeno per poter sopravvivere.

Non siamo disposti a far morire le nostre imprese: la Regione metta subito in campo tutte le strategie necessarie per consentire alle attività di operare in sicurezza, se si vuole che il settore dell’intrattenimento danzante e di spettacolo, che in Campania offre lavoro a migliaia di addetti, possa sopravvivere”.

Potrebbe anche interessarti