Guerra, De Luca: “Ricadute pesanti. Rischiamo calo di lavoro e meno soldi in busta paga”

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto aggiornamento alla cittadinanza, ha parlato delle ricadute economiche della guerra e dei possibili scenari per i lavoratori nei prossimi mesi.

Guerra, De Luca: “Ricadute economiche pesanti”

Il Governatore ha iniziato la consueta conferenza parlando del conflitto in Ucraina per poi esaminarne le conseguenze economiche nel nostro Paese: “Le due cose che rimangono oggettive sono il bagno di sangue che continua e le ricadute economiche pesanti che già abbiamo ma che avremo in maniera molto più pesante tra qualche mese in relazione alle forniture energetiche”.

“Abbiamo avuto un convegno con gli operatori della logistica e dell’energia e abbiamo verificato che prima di 3 anni in Italia non avremo nessuna autonomia energetica. L’Italia sta andando in giro per il mondo ad ampliare le forniture ma nella migliore dell’ipotesi parliamo di 5 miliardi di metri cubi. Pensate che noi ne acquistiamo 30 miliardi dalla Russia e prima di 3 anni non avremo nemmeno una relativa autonomia. Stiamo andando verso uno scenario estremamente preoccupante”. 

Quanto alla riduzione del Prodotto Interno Lordo: “Ci sono elementi preoccupanti anche relativamente alle tendenze economiche dei Paesi occidentali. Il ministro Franco ha dichiarato che già nel primo semestre del 2022 avremo una riduzione del PIL italiano di 1 punto e mezzo. La Germania va verso una riduzione, gli Stati Uniti l’hanno già avuta maggiore dell’1%”.

“Rischiamo di avere nei prossimi mesi questa situazione: il PIL non cresce quindi non crescono l’economia e il lavoro, contemporaneamente aumenta l’inflazione cioè si riduce il potere di acquisto degli stipendi, abbiamo meno soldi nelle buste paga. C’è già oggi un aumento del costo della vita ma se andiamo ad una drammatizzazione delle forniture energetiche l’inflazione galopperà. Già ora siamo sopra il 6%, se continuiamo così avremo una riduzione davvero pesante del potere d’acquisto di salari e stipendi. Questa è la prospettiva che abbiamo di fronte. Questo è lo scenario che la guerra offre ai nostri Paesi, ai nostri lavoratori, alle nostre famiglie.

“Nessuno, tranne il Papa, si sta impegnando con convinzione sulla linea di un cessate il fuoco. Non sarebbe difficile ottenere il cessate il fuoco per tentare di fare incontrare i responsabili politici. Bisogna dire alla Russia di bloccare tutto per una settimana e ai Paesi occidentali di bloccare le forniture di armi all’Ucraina. Se diciamo di interrompere la guerra e facciamo arrivare un fiume di armi in Ucraina è evidente che il cessate il fuoco non ci sarà mai. In queste condizioni avremo solo la guerra”.

Potrebbe anche interessarti