Bud Spencer, pioggia di insulti sui social perché si era candidato con Forza Italia

Bud SpencerLa sua morte ha scosso l’Italia intera, soprattutto il mondo del cinema e quello dello sport, i due ambiti che più di ogni altro gli hanno regalato successo, ricchezza e fama. Scemata, però, la tristezza per la perdita di nuotatore e di un attore che saputo far innamorare di sé generazioni diverse, sui social cominciano a spuntare insulti ed espressioni scurrili verso il mitico Bud Spencer. Tutto ciò sarebbe causato da una foto (vedi sopra) che fa riferimento ad un suo passato politico, certamente molto più passeggero e molto meno conosciuto rispetto alle altre attività dell’attore originario di Napoli.

Il primato fatto registrare nel 1950 e i suoi indimenticabili spaghetti western in coppia con Terence Hill, che lo ha ricordato con un pensiero molto dolce, così come fatto dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris, stanno passando dunque in secondo piano rispetto al suo tentativo di entrare in politica. Quest’ultimo risale al 2005, quando Carlo Pedersoli (suo vero nome), spesso dichiaratosi vicino al pensiero della destra italiana, ha provato l’avventura politica candidandosi per le elezioni regionali del Lazio nell’aprile di quell’anno, a sostegno del presidente uscente Francesco Storace. Forza Italia il partito prescelto per l’occasione, non certo da ricordare. Infatti, all’epoca Bud Spencer riuscì ad ottenere solo circa 4000 voti, che non gli permisero di essere eletto.

Dopo questo inusuale fallimento per la sua vita, però, Bud Spencer non ha mai più ritentato la carriera politica. Tuttavia nel 2013, in occasione delle elezioni – stavolta comunali – a Roma, ha sostenuto la candidatura della figlia Cristiana, presentatasi nelle liste de Il Popolo delle Libertà, anche in quest’occasione senza successo.

Già solo questi tentativi, però, gli stanno attirando, sui social network, l’astio di quanti evidentemente non condividono i suoi stessi credi politici, tanto da arrivare al punto di scrivere: “Bene, una testa di c… in meno nel mondo” o epiteti simili.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più