Buoni spesa, a Napoli un solo dipendente per 26mila pratiche: lavora fino all’una di notte

Il Comune di Napoli può contare soltanto un dipendente a fronte di 26mila pratiche per il buono spesa. Ad affermarlo è l’assessore al Welfare Luca Trapanese, che è stato intervistato questa mattina dalla trasmissione Barba & Capelli su Radio Crc.

Buoni spesa: un dipendente per 26mila domande

“Abbiamo avuto quasi 21milioni di euro per l’emergenza Covid – ha dichiarato Trapanese – sei milioni e mezzo li stiamo distribuendo per libri per i ragazzi dei licei. Poi dal 24 novembre stiamo distribuendo bonus spesa che vanno dai 100 ai 200 euro a famiglia con una serie di requisiti e ci stiamo organizzando per altri fondi dove si potranno pagare utenze o altre buoni spesa. Erano fondi che dovevano essere usati entro il 31 dicembre ed è stato una corsa contro il tempo perché avendo problemi di personale, una sola persona si sta occupando di 26 mila buoni. Il ringraziamento non va all’assessore ma va a questa persona”.

La mancanza di personale è uno dei punti su cui si sta più battendo la nuova amministrazione. Non è solo un problema “ordinario” di pratiche da smaltire e servizi da fornire ai cittadini, ma soprattutto di ideare e redigere progetti per il rinnovamento della città. La sfida è rappresentata dal Pnrr: i soldi elargiti dall’Unione Europea arrivano soltanto se vi sono progetti redatti e cantierabili. Senza personale si rischia di perdere una partita fondamentale per il futuro della città, che non si può permettere di sciupare un’occasione così grande. Forse l’ultima vera occasione.

Potrebbe anche interessarti