Carola Rackete riceve il premio Fonseca per la sua lotta a favore dei migranti

carola racketeNapoli– Durante la giornata di mercoledì 18 settembre, alle ore 18, avrà luogo la quinta edizione del premio Pimentel Fonseca. Alla comandante Carola Rackete il premio Honoris Causa.

Questa quinta edizione sarà dedicata ai migranti. Uomini, donne, bambini, senza distinzione di sesso, di età o di colore della pelle. E Per la prima volta avverrà è in Italia, al PAN, sito in via dei Mille.

A vincere questo ambito premio è Helena Maleno, giornalista e attivista spagnola per i diritti dei migranti. Perseguitata dalla polizia spagnola per la sua lotta in difesa del diritto alla vita. È specializzata in migrazione e traffico di esseri umani. Da anni vive in Marocco dove denuncia le violazioni dei diritti che avvengono sulle frontiere spagnole. Il suo modus operandi prevede l’uso dei social network per segnalare quotidianamente le imbarcazioni alla deriva o chi varca il confine, coordinando il salvataggio con le autorità.

Non solo Helena Maleno sarà premiata. Anche l’ormai nota Carola Rackete, comandante della Sea Watch II riceverà il premio. Per la comandante tedesca si tratta di un premio Honoris Causa. Premio dovuto alla sua resistenza dopo i vari tentativi diplomatici di far rientrare la sua imbarcazione con a bordo dei migranti.

Carola non sarà purtroppo a Napoli ma interverrà soltanto tramite un videomessaggio che sarà proiettato all’interno delle sale del PAN.

La manifestazione è stata fortemente voluta e promossa dal Sindaco di Napoli Luigi de Magristris, dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.
Inoltre è realizzata e prodotta dall’associazione culturale “Periferie del mondo – Periferia immaginaria“.

Un evento che accresce ulteriormente il patrimonio umano e morale della città premiando due donne che si battono per i diritti umani. Dei diritti che spesso sono violati sia in Italia che nel mondo intero. Non bisogna dimenticare tutto il sangue versato per raggiungere questi diritti, e bisogna combattere quotidianamente per mantenerli.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più