Multare gli automobilisti: l’ultima trovata per lottare contro i parcheggiatori abusivi

Parcheggiatori abusiviNon sembra essere ben accetta dai napoletani l’ultima trovata per debellare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi. Multare gli automobilisti che pagano questi individui infatti sarebbe controproducente.

I parcheggiatori abusivi sono uno dei più grandi problemi di questa città. Niente sembra poterli fermare. Quando alcuni vengono sanzionati o portati via in manette, ecco che ne spunta fuori subito un altro. Da qualche giorno circola la voce, nata da un convegno tenutosi al Vomero, di debellare il fenomeno in maniera indiretta, cioè non arrestando i parcheggiatori, bensì prendendo provvedimenti sugli automobilisti.

Un’iniziativa che avrebbe sicuramente i suoi pro ed i suoi contro, ma che comunque sembra di difficile attuazione. Queste le parole di Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione: “Una proposta a dir poco fantasiosa quella che nei giorni scorsi è sortita in un convegno promosso al Vomero per debellare lo storico problema dei parcheggiatori abusivi.

Da quanto riportato da alcuni organi d’informazione, si vorrebbe affrontare il problema proponendo al legislatore di emanare norme che prevedano, ovviamente sull’intero territorio nazionale, sanzioni. Con la sospensione della patente per tre mesi e anche una pena pecuniaria da comminare a chi affida la propria autovettura ai parcheggiatori abusivi.

La qual cosa, seppure una norma come quella proposta fosse approvata dal Parlamento, con validità ovviamente su tutto il territorio nazionale, sarebbe comunque di difficile se non impossibile attuazione. Difatti gli addetti ai controlli dovrebbero, attraverso i numeri di targa delle autovetture, parcheggiate fuori dagli stalli consentiti, e quindi lo stesso discorso varrebbe per le autovetture in sosta vietate, individuare il conducente che potrebbe non essere il proprietario dell’auto e provvedere a comminare le sanzioni “.

Potrebbe anche interessarti