Il coronavirus non colpisce più solo i quartieri borghesi: picchi a Scampia e Chiaiano

contagiIn Campania, i positivi al Covid-19, sono arrivati a 4.562, con 2.164 persone guarite e 386 decedute. A essere più colpita è la Provincia di Napoli che continua a portare il primato regionale dei contagi per un totale di 2.514 persone così distribuite: 952 a Napoli e 1.562 nelle province.

È proprio da statistiche effettuate sulla città di Napoli, dal tavolo tecnico costituito dai Professori  Ivan Gentile, Nicola Coppola e Giuseppe Signoriello degli Atenei Federico II di Napoli e Luigi Vanvitelli di Caserta, per la descrizione della casistica di pazienti positivi al tampone per COVID-9  nelle varie municipalità, che emergono nuovi aumenti in diversi quartieri fino ad ora non segnalati. I dati sono aggiornati al primo maggio.

Dopo degli iniziali picchi di contagi nei quartieri borghesi, ovvero il Vomero, Arenella e Chiaia, l’andamento del virus, fino alla settimana del 23 Aprile, ha registrato un aumento regolare. I quartieri in cui si è verificato un incremento come valori assoluti, ovvero senza alcun paramentro, sono stati infatti, stavolta, anche: Chiaiano e Scampia.

In particolare a Chiaiano, nella settimana dal 16 al 23 aprile 2020, si è registrato un aumento del 100%, dovuto al focolaio in una casa di riposo, mentre quello di Scampia si presume sia dovuto ai comportamenti dei cittadini.

Ad oggi però la percentuale dei contagi è incoraggiante poiché sembra che il virus stia perdendo di forza anche nelle zone di Scampia e Chiaiano che nel mese scorso avevano avuto un incremento dei positivi.

In queste ultime settimane infatti, complice anche le misure di prevenzione adottate da tutti i comuni e complice l’aumento delle temperature, il virus potrebbe essere diventato meno virulento, vale a dire che le persone infette hanno trasmesso di meno il virus.

Adesso non resta altro che aspettare i prossimi 15 giorni per capire se questa tendenza rimarrà, nonostante i rientri previsti al domicilio di residenza, per coloro che si trovavano al Nord e che potrebbero far registrare una nuova ondata di contagi.

Potrebbe anche interessarti