De Crescenzo omaggia la canzone napoletana: “Napoli stessa è una canzone”

Luciano De Crescenzo

Luciano De Crescenzo ritorna a scrivere della sua Napoli e lo fa col solito amore, con la stessa ironia e la classica filosofia che permea ogni sua opera. L’autore di “Così parlò Bellavista”, questa volta, ha deciso di raccontare la canzone napoletana con la sua magia, le sue tradizioni ed i sentimenti che nei secoli l’hanno partorita e cresciuta.

“lo sono stato fortunato perché sono nato a Napoli, – commenta De Crescenzo nelle dichiarazioni riportate da Napoli Fanpage – quella che può essere considerata per definizione la città del canto. Questo libro è la prova provata che Napoli è la patria della canzone. Napoli stessa è una canzone”. E’ proprio questo legame indissolubile fra città e canzoni il fulcro di “Ti voglio bene assai, storia e filosofia della canzone napoletana”: non una semplice antologia, ma un’analisi profonda del sentimento che nasconde ogni testo.

LEGGI ANCHE
Magna. Degustazione di mozzarella a San Domenico Maggiore

Opere come “Era de Maggio”, “Malafemmena” e “‘O sole mio” diventano il pretesto per scandagliare non solo la storia del nostro popolo, ma l’anima reale di Napoli. Una spiritualità nell’arte che De Crescenzo afferma con convinzione: “È come se le canzoni fossero dei tamburi emozionali che influenzano il battito del nostro cuore. Quando siamo felici, il battito accelera e ci regala un ritmo scanzonato, quando siamo un po’ tristi, invece, il battito rallenta e prende la forma di una malinconica nenia. Ci consolano, sono una specie di medicina, un antinfiammatorio dell’anima. Persino Platone e Aristotele erano convinti che l’arte della musica potesse ristabilire l’equilibrio interiore e in alcuni casi incidere sulla morale dell’individuo.”

L’opera verrà presentata ufficialmente il 17 dicembre, nel complesso monumentale di San Domenico Maggiore.

LEGGI ANCHE
Festa della Befana 2016. Ecco tutti gli eventi in programma a Napoli

Potrebbe anche interessarti