Video. Ultimo assalto all’albero in Galleria. Baby gang agisce sotto agli occhi di tutti

albero di natale

A quanto pare l’albero di natale delle galleria di Napoli risulta essere uno degli obiettivi più gettonati dalle baby gang che si aggirano per le vie del centro e che durante le recenti festività natalizie hanno intrapreso “ludicamente” scorribande nelle strade più centrali mirando, inoltre, qua e là, all’assalto di addobbi e alberi dei commercianti.

E l’ultimo episodio di baby vandalismo è stato pubblicato, in due video, su Facebook da Francesco Emilio Borrelli, il quale posta : “L’assalto delle baby gang all’albero di Natale della Galleria Umberto I. Non hanno paura di niente. Sono delinquenti a tutti gli effetti e come tali vanno trattati dallo Stato!”

L’aggressione riguarda ancora una volta l’albero della Galleria Umberto e mostra il gruppo di ragazzini che, sotto gli occhi di passanti e polizia municipale, attacca l’oggetto più volte, facendolo cadere al suolo; i bambini, nonostante le intimidazioni dei vigili, non demordono, incoraggiandosi a vicenda. “Uagliù pigliammece l’albero!” si sente. L’inseguimento da parte della polizia municipale diviene quasi un gioco per i piccoli aggressori, i quali si divertono a giocare ad acchiapparello, davanti a decine di persone, che commentano o, appunto, riprendono la scena.

Ma a chi dare la colpe e le sentenze? forse un pò a tutti noi, forse a nessuno se l’involuzione culturale ed educativa è un prodotto di dinamiche più grandi, difficilmente controllabili.

Questi bambini oggi, si sarebbero dovuti svegliare per iniziare la scuola. Ma di sera, erano in giro a vandalizzare. Si potrebbe iniziare considerando questo.

Per vedere il primo video, clicca qui.

Per vedere il secondo video, clicca qui.

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più