Napoli, pubblicità di un bimbo che abbraccia un arsenale di fuochi: “V’abboffo ‘e botte”

cartellone pubblicitario bambino bottiNapoli Polemiche per un cartellone pubblicitario affisso nel quartiere Pianura dove è ritratto un bambino che abbraccia botti e fuochi d’artificio. Il tutto in contemporanea ad un fatto di cronaca molto grave, quello che ha visto un ragazzino gravemente ferito ad una mano per avere fatto esplodere un petardo sugli spalti di un campetto proprio a Pianura.

L’immagine della pubblicità non fa altro che normalizzare l’utilizzo dei botti da parte dei minori e dei bambini in particolare. Una trovata commerciale a dir poco discutibile, anche considerata la pratica purtroppo non rara della vendita di botti illegali che possono essere acquistati dai ragazzini per strada. Non solo, al bambino – suo malgrado – protagonista del messaggio pubblicitario viene fatta dire la frase “V’abboffo ‘e bbotte”, la citazione di uno tiktoker tristemente noto per i messaggi non positivi che trasmette attraverso i suoi video.

A diffondere l’immagine del cartellone pubblicitario è stato il consigliere comunale di Afragola Antonio Iazzetta, che commenta: “Un bambino che abbraccia un piccolo ‘arsenale’ di fuochi d’artificio… Non serve aggiungere altro!”. La notizia è stata inoltre ripresa dal consigliere regionale Borrelli che attraverso una nota ha informato di avere allertato le Autorità per chiedere la rimozione del cartello pubblicitario in virtù del suo contenuto ritenuto diseducativo.

Potrebbe anche interessarti