MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Vaccini, De Magistris: “De Luca primo imbucato. Isole Covid free? Sa di non poterlo fare”

De Magistris De LucaNapoli Dopo un apparente periodo di pace si arricchisce di un nuovo capitolo la saga degli scontri tra Luigi de Magistris e Vincenzo De Luca, con il sindaco che – intervistato da Radio Marte – si è espresso sulla questione vaccini che in questi giorni sta vedendo lo scontro tra il Governo e il presidente della Campania.

“Parliamo tanto di imbucati, ma alla fine il primo imbucato è De Luca, uno che salta la fila e si fa il vaccino prima di quelli che ne hanno diritto. Che esempio vuoi dare? È chiaro che alla fine si abbia la sensazione che ognuno può fare quello che ritiene”.

De Magistris non è d’accordo circa l’idea di realizzare le isole Covid free per salvare la stagione estiva: ”Trovo le dichiarazioni degli ultimi giorni di De Luca molto gravi perché sa bene che non può vaccinare prima il procidano o l’artigiano perché ormai è chiaro a tutti, e lo ha ribadito anche la Corte costituzionale, che la pandemia è un tema nazionale ed è lo Stato che deve garantire uniformità. Finiamola con la captatio benevolentiae per illudere alcune categorie sapendo perfettamente di non poterlo fare. Il piano è nazionale e anzi doveva esserlo prima, perché se siamo in queste condizioni è perché alcune Regioni hanno fatto come volevano”.

Il primo cittadino da inoltre alimentato le polemiche circa la categoria “Altro” cui sono stati somministrati i vaccini, sottolineando che “la Campania con la Calabria è la regione che ha il più alto numero di vaccinati nella categoria “Altro”. Vorremmo sapere chi sono, visto che parliamo tanto di trasparenza. Sono quelli che si sono vaccinati saltando la fila? Dovremmo saperlo perché c’è gente che nel frattempo muore, gli ultra 80enni non sono stati ancora tutti vaccinati e poi vediamo che quel criterio di priorità in alcune Regioni è saltato. Qualcosa che non è andato nella filiera sicuramente c’è stato”.

A tal proposito è necessario tuttavia aggiungere che nella giornata di ieri la Regione Campania, trasmettendo il giornaliero bollettino delle vaccinazioni, ha precisato che nella categoria “Altro” rientrano le categorie Anni 70-79, Convivente-caregiver e Personale esterno strutture sanitarie. Nella voce “Personale esterno alle strutture sanitarie” vengono compresi – si legge nel bollettino – secondo le indicazioni nazionali che puntano agli ospedali Covid free, tutti i lavoratori delle ditte esterne fornitrici di servizi alle strutture sanitarie (a titolo esemplificativo si citano: pulizie, guardiania, mensa, lavaggio, manutenzione degli impianti).

Potrebbe anche interessarti