Calcio Napoli

Tutte le notizie sul Calcio Napoli

mario rui napoli liverpool

mario rui napoli liverpool

Napoli“Martedì abbiamo battuto i migliori al mondo in questo momento ma dopo il successo sul Liverpool dobbiamo riconfermarci contro il Lecce, è una squadra difficile”. Così l’esterno del Napoli, Mario Rui.

“Il Lecce – ha detto il portoghese – ha vinto a Torino meritatamente e abbiamo analizzato la partita anche contro l’Inter, pure lì hanno provato a giocare, uscire da dietro col portiere. Hanno giocatori forti individualmente, sarà una gara difficile, non dovremo pensare che è una neopromossa”.

Il portoghese ha sottolineato la crescita del Napoli: “Ogni anno – ha spiegato – c’è un salto in avanti, ci avviciniamo a grandi obiettivi. I nuovi arrivi? Le qualità di Di Lorenzo sono sotto gli occhi di tutti ed è un ragazzo per bene. Llorente è un campione ma ha umiltà e s’è calato bene in questa realtà. Lozano altrettanto, Elmas è un ragazzino ma ha tanta personalità e qualità. Il mercato è stato grandioso per noi. Ci avviciniamo ogni anno, anche se lotteremo pure con altre squadre”.

Di Giuseppe Collaro

Tra le tante piacevoli novità che orbitano attorno al Calcio Napoli, una delle più piacevoli è probabilmente il nuovo look dello Stadio San paolo, impianto obsoleto, ma solo sulla carta. Grazie alle dotazioni tecnologiche di ultima generazione, che svariano dal nuovo impianto audio/luci sino ai tabelloni, esso sembra infatti ringiovanito. Un colpo d’occhio incredibile e suggestivo viene dalle nuove poltroncine, in tinta coi colori societari che, aggiunta alla scritta “NAPOLI”, crea una impronta di appartenenza totalmente radicata.

Ci sono da sottolineare i pro e i contro dello stesso durante la prima partita in casa. A tal proposito una doppia nota positiva proviene dal settore Distinti dove, grazie anche al lavoro diligente degli steward, si sono visti debellati due fenomeni di cattivo gusto come il mancato rispetto dell’assegnazione del posto numerato sul ticket di ingresso da un lato e la visione del match da alzati da parte del pubblico. Per decenni infatti, l’assegnazione del posto è stata una chimera, che portava spesso a diatribe e litigi sugli spalti da parte di chi pretendeva il proprio posto numerato e chi, prepotentemente, lo occupava in modo abusivo per vari motivi. Persino i gruppi di ultras, in modo molto civile, hanno visionato i vari spazi in fase di compravendita degli abbonamenti, ed hanno acquistato lo stesso in modo da trovarsi tutti vicini per poter continuare a sostenere in gruppo la squadra del cuore.

Diverso discorso dicasi per le Curve. Gente che come da prassi si è appropriata di posti non propri e solita usanza di vedere la partita in piedi, a discapito di chi vuole stare seduto, ma soprattutto in piedi sulle poltroncine nuove. Un colpo al cuore per chi ama Il San Paolo, ma soprattutto l’educazione civica che ne sussegue agli occhi dei più piccoli lì presenti; troppo spesso sfugge infatti a certi elementi, che tali atteggiamenti saranno poi imitati dalle future generazioni.

Nel complesso sembra che il rinnovo della struttura abbia dato un appeal diverso, soprattutto nella mentalità dei frequentatori dello stadio, nei quali il senso di appartenenza e di rispetto si è sicuramente elevato.

Una nota di merito va data all’ottimo impianto di sorveglianza che renderà la vita difficile a coloro i quali, credendosi più furbi, acquistano un biglietto per l’anello inferiore (a costo più basso), per poi scavalcare a quello superiore una volta all’interno; in merito a ciò qualche ripresa già è stata effettuata e le immagini sono al vaglio degli inquirenti ed è inutile dire che la mannaia sarà pesante, si parla infatti di daspo, che probabilmente fioccheranno a raffica.

Fernando Llorente è innamorato pazzo di Napoli. L’edizione odierna del Corriere dello Sport fa sapere che il calciatore spagnolo ha trovato casa a Posillipo, e aspetta solo la famiglia per trasferirsi, infatti alloggia ancora in una camera d’albergo.

A breve lo raggiungeranno anche Maria, sua moglie conosciuta a 18 anni e suo figlio. Per il momento ha visitato solo la città, niente Capri e Ischia, Penisola e Costiera. Napoli l’ha già conquistato. Dopo la gara contro il Liverpool ha confessato che segnare al San Paolo rappresenta una gioia indescrivibile.

Fernando Llorente si è sposato il 20 giugno del 2015 con Maria nella basilica di Santa Maria del Coro a San Sebastian, paese d’origine della sposa, dopo dieci anni di fidanzamento. All’epoca Llorente militava nella Juventus.

Di Maria si sa molto poco, ha la stessa età dell’attaccante del Napoli ed è laureata in medicina con una specializzazione in Endocrinologia. Fernando e Maria hanno un bimbo nato nel giugno del 2016.

Mario Sconcerti

Mario SconcertiSe la bontà del successo del Napoli sul Liverpool ha messo d’accordo tutti, se perfino la stampa inglese ha parlato di maggiore intensità e voglia di vincere dei ragazzi di Ancelotti, c’è qualcuno che invece ritiene che la vittoria sia un risultato ingiusto. Stiamo parlando di Mario Sconcerti: sul Corriere della Sera sostiene che la partita non doveva andare oltre lo zero a zero.

“Gran bella partita tra Napoli e Liverpool, due squadre alla pari che cercavano di sorprendersi e stavano finendo per annullarsi fino al momento del rigore. Il risultato regala qualcosa al Napoli, era una partita da esibizione forte, uno zero a zero pensato quasi a tavolino, dove anche i giocatori migliori giravano con eleganza intorno all’area e non trovavano mai il tiro. Però una bella dimostrazione di calcio pensato e giocato, una vera partita a scacchi in cui sembravano mancare solo gli spazi per le Regine. Poi il rigore, largo ma meritato per insistenza, ha rotto l’equilibrio e il Napoli ha fatto cose impensabili.

“Il Liverpool ha smesso di galleggiare nella qualità antica ed è cominciato lentamente ad affondare. La confusione della difesa sul gol di Llorente è stata la dimostrazione finale e ha dato al successo una dimensione internazionale che era quasi imprevedibile all’inizio. È stata una partita diversa rispetto a un anno fa quando il Napoli dominò e il Liverpool non fece nemmeno un tiro in porta. Ma è stata più partita, densa di calcio moderno, equilibrato e spezzato solo da spunti di qualità forte. Il Napoli è una gran bella squadra, completa, non estrema ma senza punti vuoti”.

mario rui napoli liverpool

mario rui napoli liverpoolUn Napoli non perfetto, ma estremamente maturo e consapevole della propria forza si è imposto ieri sera contro il Liverpool. I campioni d’Europa hanno perso per due reti a zero una partita che gli azzurri volevano vincere a tutti i costi: si è visto non appena hanno messo piede in campo. Il rigore che ha portato al vantaggio, probabilmente un po’ generoso, è comunque frutto di una voglia di sovrastare l’avversario e portare a casa i tre punti.

Tutta la squadra è parsa funzionare bene, anche se ha concesso qualcosa agli avversari. Non dimentichiamo infatti che il Liverpool è fortissimo, è campione in carica e un soffio l’anno scorso non ha vinto anche la Premier League. Con un avversario così è difficile il reparto arretrato non poteva assolutamente restare a guardare la partita, come si dice in gergo.

Tra le individualità quella che ha spiccato di più è stato Mario Rui. Il terzino sinistro è stato capace di neutralizzare Salah giocando una partita da combattente vero: non ha mai perso di vista l’avversario, l’ha ostacolato, spesso è riuscito perfino a giocare in anticipo. Una prestazione con la quale ha risposto, sul campo, al malcontento di alcuni tifosi che avrebbero voluto la sua cessione nella scorsa sessione di calciomercato. Chissà che questo Napoli-Liverpool non possa segnare l’inizio di una nuova storia d’amore all’ombra del Vesuvio.

NAPOLI – Al via la Champions League degli azzurri. Alla vigilia del match contro i campioni d’Europa del Liverpool, Hirving Lozano ha rilasciato un’intervista ai microfoni dell’emittente Espn.

Il messicano ha espresso l’emozione del debutto al San Paolo: «Mi avevano anticipato qualcosa dell’atmosfera che si respira ogni volta allo stadio, ma non pensavo che fosse così emozionante viverla. Ho giocato e mi ha fatto piacere, ma nelle gambe avevo un solo allenamento essendo ritornato poche ore prima dagli impegni con la mia nazionale».

A proposito dei suoi nuovi compagni, el Chucky ha esaltato il grande senso di compattezza della squadra: «Stare nello spogliatoio è come essere in famiglia, ho la fortuna di potermi confrontare ogni giorno con persone fantastiche. Ho legato molto coi compagni che parlano lo spagnolo, ma anche con Mertens e Insigne».

Riguardo la città e i tifosi, Lozano ha aggiunto: «Sono molto felice di essere qui e di poter giocare con questa maglietta. L’affetto della gente è stato qualcosa di meraviglioso. Con la mia famiglia ci stiamo ambientando bene».

Sulla sfida in Champions League di questa sera contro i reds, Lozano ha dichiarato: «Sarà una gara molto difficile, giocheremo contro i campioni in carica. Anche noi, comunque, siamo una squadra completa, con tanta qualità. Dovremo essere bravi a rispettare le indicazioni dell’allenatore».

Stadio-San-Paolo-in-versione-Champions-League

Stadio San PaoloIn vista del match di Champions League Napoli-Liverpool di domani 17 settembre alle ore 21:00 presso il rinnovato Stadio San Paolo, il sito ufficiale della squadra inglese ha diffuso un comunicato rivolto a tutti i supporters in trasferta a Napoli accanto alla squadra.

Accanto alle indicazioni di rito per i tifosi (come raggiungere lo stadio, dove e quando poter usufruire del servizio navetta e altre informazioni di tipo logistico) spiccano alcune frasi a dir poco vergognose per un club influente a livello mondiale come quello del Liverpool.

Questo è uno dei “travel advice” proposti dal club: “Any fans wishing to visit the inner areas of Naples city should remain vigilant and be aware that they may be targeted for petty theft, robbery and assault (A tutti i tifosi che desiderano visitare le aree interne della città di Napoli è consigliato restare vigili ed essere consapevoli che potrebbero essere presi di mira per piccoli furti, rapine e aggressioni)”.

Oppure ancora: “Supporters should not make their own way to stadium due to risk to their personal safety (Ai tifosi è sconsigliato recarsi allo stadio con mezzi propri per la propria incolumità)”.

Più di una volta nell’intero comunicato si ribadisce il fatto di dover necessariamente muoversi in gruppo attraverso le navette predisposte per il trasporto dei tifosi allo stadio perché pericoloso muoversi da soli.

napoli-liverpoolUn tifoso del Napoli ha segnalato il comunicato ufficiale del club del Liverpool commentando a sua volta: “Che vergogna, questo è il sito ufficiale del Liverpool che dà consigli ai propri supporters per la trasferta di Napoli-Liverpool.

“Nel 2019 ancora si devono leggere cose come “Se desiderate fare un giro a Napoli siate consapevoli di poter essere vittima di agguati o rapine” dal sito di una delle squadre con più tifosi al mondo forse insieme al Real Madrid e al Manchester United”.

Il Movimento Neoborbonico, a questo punto, ha chiesto rettifiche e scuse al Liverpool dopo il comunicato offensivo e razzista sopracitato.

Il Movimento Neoborbonico ha, quindi, inviato al presidente e ai responsabili della comunicazione del Liverpool Football Club la seguente richiesta di scuse e rettifica: “Spettabile Liverpool Football Club, nel vostro comunicato sulla partita Napoli-Liverpool suggerite ai vostri supporter “che desiderano visitare le zone interne della città di Napoli di rimanere vigili ed essere consapevoli del fatto che potrebbero essere presi di mira per piccoli furti, rapine e aggressioni”.

Il vostro Club è famoso per la correttezza e la tolleranza ma il vostro comunicato è sbagliato ed offende l’intera città di Napoli. Nelle statistiche sui reati in Italia, Napoli è al posto numero 23.

Nel 2018 nella vostra contea del Merseyside, ad esempio, c’è stato un incremento annuo di reati compiuti con coltello pari al 35%, secondo le statistiche ufficiali (circa 1231 reati) ma noi Napoletani, in occasione della prossima partita Liverpool-Napoli, non scriveremo per i nostri supporter comunicati offensivi e quasi razzisti.

“Noi suggeriremo di visitare la bella Liverpool e di stare attenti come si deve stare attenti in tutte le metropoli del mondo. In attesa di rettifiche e scuse, cortesi saluti Prof. Gennaro De Crescenzo, Presidente Movimento Neoborbonico Napoli.

Non è bastato rifare i sediolini dello stadio San Paolo, non bastano i colori scenografici e nemmeno la campagna dei vip “Sei a casa tua” a fermare gli incivili.

C’è gente che ieri alla prima del Napoli in casa è salito con i piedi sui sediolini azzurri e nuovi di zecca. A denunciarlo sono alcune foto scattate da tifosi presenti al San Paolo.

Per fortuna sono solo una piccola parte, la maggioranza dei tifosi era seduta oppure in piedi ma sui gradoni. Eppure c’è chi ieri non ha voluto perdere le vecchie abitudini.

La prima foto è di Paola Rendina e la seconda è stata postata da un utente di Facebook sulla pagina Uronechannel.

 

Napoli – Ieri è scoppiata un’agguerrita polemica sugli spogliatoi dello stadio San Paolo. Tutto era iniziato con una lamentela di mister Carlo Ancelotti che denunciava le condizioni fatiscenti degli spogliatoi e che fosse assurdo che in due mesi di lavori non fossero ancora pronti.

I rappresentanti del Comune si sono subito difesi accusando Ancelotti ed, in particolare, dicendo che l’allenatore parlasse semplicemente per bocca di De Laurentiis e della società. Un modo, quindi, per sostenere la società nella polemica che sta portando avanti contro il Comune per le migliorie allo stadio.

Oggi, il sito ufficiale del Comune di Napoli ha pubblicato un video in cui viene mostrato il “nuovo” stadio San Paolo sin nei minimi dettagli, comprensivo di spogliatoi e bagni completamente rimodernati. Una risposta definitiva per mettere a tacere le recenti critiche e qualunque polemica. Sul finale, un’esplicita scritta che recita “Lo stadio San Paolo è pronto per accogliere la Serie A”

koulibaly

koulibalyIn questi giorni c’è stata la riapertura delle scuole dopo la pausa estiva. Per gli alunni del liceo linguistico Elsa Morante di Scampia, un primo giorno da ricordare per anni. Ieri a sorpresa infatti si sono presentati Kalidou Koulibaly e Faouzi Ghoulam che hanno tenuto un discorso in palestra.

Primo giorno di scuola indimenticabile per gli studenti del liceo linguistico di Scampia. La scelta di far visita in una scuola di un quartiere così difficile deriva dalla volontà di incoraggiare questi giovani. Non si è parlato di calcio, ma dei valori importanti della vita. Credere in se stessi, avere fiducia e studiare perché come dice Ghoulam “È fondamentale e rappresenta un tesoro prezioso“.

Sono stati accolti nel migliore dei modi. Chi si aspettava dei cori contro K2 dopo l’autogol al minuto 93 contro la Juventus si sbaglia di grosso. Le parole dei ragazzi sono state solo di ringraziamento. Perché questi due calciatori sono due esempi importanti non solo per lo sport ma anche, e soprattutto, di vita.

Ghoulam infatti ha dimostrato come non arrendersi mai. Nonostante gli ultimi anni travagliati dovuti agli sfortunati infortuni alle ginocchia, ha sempre continuato a lottare per tornare al top. Quest’anno ha rinunciato alla Coppa d’Africa per potersi allenare al meglio con la maglia del Napoli. Anche per questo è molto apprezzato da tutti i tifosi.

Koulibaly è un altro esempio di vita con la sua volontà di emergere. Partito dal basso infatti ora è diventato uno dei difensori più forti al mondo. “Inseguite i vostri sogni: il futuro siete voi“. Questo è il messaggio lanciato dal muro difensivo degli azzurri.

Al termine dell’incontro i due calciatori hanno anche donato alla scuola le loro magliette autografate. Verranno mostrate per tutto l’anno e anche più. In questo modo gli studenti si ricorderanno delle loro parole e proveranno ad avere maggiore fiducia nei propri mezzi.

koulibaly

koulibaly

NAPOLIKalidou Koulibaly ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport. Alla domanda “chi vincerà lo scudetto?” il difensore azzurro ha risposto senza mezza termini: «Il Napoli. Noi ci crediamo, la sconfitta di Torino non lascia tracce. E poi il campionato è appena cominciato».

A proposito del suo rapporto con la città e dello sfortunato autogol allo Juventus Stadium, Koulibaly ha dichiarato: «Napoli non ti tollera, ti ama. Ne ho avuto testimonianza e ripetutamente, non solo nei momenti felici che ti regala il calcio ma anche nella quotidianità. Una delle giornate dure, quella dopo l’autorete con la Juventus, me l’ha addolcita la gente. L’ho superata molto in fretta».

Napoli “In difesa non siamo partiti benissimo, sette gol presi in due gare sono tanti. Dobbiamo migliorare, avere due centrali così è una garanzia ma non sono ancora abituati a giocare insieme, perché hanno fatto pochi allenamenti. Bisogna lavorare e sono sicuro che dalle prossime partite la fase difensiva sarà migliore”. Lo ha detto il portiere del Napoli Alex Meret ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli.

Meret si prepara all’esordio stagionale in casa contro la Samp e sottolinea la necessità della partecipazione corale alla fase passiva: “In attacco – dice – abbiamo sfruttato bene le occasioni, ma serve maggiore attenzione nelle coperture preventive. Koulibaly e Manolas ci permettono di stare un pochino più alti ma non bisogna mai perdere di vista l’equilibrio. L’autogol di Koulibaly? Capita a tutti di sbagliare, non si può criticare uno come Kalidou che è stato forse il migliore della passata stagione”.

“La Sampdoria davanti ha calciatori molto forti, non dobbiamo sottovalutare la partita che sarà la prima davanti al nostro pubblico. Dopo la Juve ci sarebbe piaciuto tornare subito in campo per metterci alle spalle la partita, ma c’è stata la sosta della Nazionale”. Dice il portiere del Napoli.

Meret si proietta anche all’esordio in Champions di martedì prossimo, sempre al San Paolo: “Si parte subito contro il Liverpool, la squadra che ha vinto la Champions. Siamo in un girone difficile, ma sappiamo che in questa manifestazione è così e dobbiamo cercare di fare subito punti”.

Il portiere ha parlato anche dei nuovi arrivati, a cominciare da Lozano: “È una grande alternativa – ha detto – agli ottimi attaccanti che abbiamo davanti. È un giocatore con grandi colpi, ci potrà dare una grandissima mano nel corso di questo campionato. Llorente? Siamo un gruppo giovane e avere uno di esperienza come lui fa bene”.

La “guerra” social tra la società azzurra e il Comune di Napoli continua. La SSCN ha replicato su Twitter ribadendo che il video diffuso da loro è attuale e non è vecchio: “Le immagini degli spogliatoi diffuse oggi sono una sintesi di un video di circa 3 minuti girato ieri con uno smartphone alle 1530 circa da una persona dello staff della società“.

Molto probabilmente per controbattere a Ciro Borriello, Assessore allo Sport del Comune di Napoli, che stamattina ha rilasciato alcune dichiarazioni a Marte Sport Live: “Se fossi nel Napoli mi preoccuperei di fare una grande partita con la Sampdoria e di inaugurare al meglio lo Stadio San Paolo. La società vuole fare sempre polemica, Ancelotti non è mai venuto a fare nessun sopralluogo, ha guardato la cosa con occhi altrui. Edo De Laurentiis è stato l’unico che ieri è venuto a vedere lo stato dei lavori. Resta un messaggio molto sbagliato con dichiarazioni molto forti e crude da parte del tecnico che si dovrebbe preoccupare di altro. Il Calcio Napoli ha fatto girare immagini vecchie, l’unica cosa che non è completa sono le due vasche idromassaggio che sono a carico del Napoli. Domani lo stadio San Paolo sarà pronto e avverrà la consegna, sono stati montati tutti gli arredi e montati tutti i rubinetti, l’unica controindicazione sarà l’odore della pittura. E’ una polemica molto sgradevole, aspetto De Laurentiis a braccia aperte per firmare questa convenzione”.

Il Comune di Napoli e il Calcio Napoli in queste ore si stanno sfidando a colpi di foto e video sui social. Da un lato la società sportiva che ha pubblicato su Twitter un video dove mostra gli spogliatoi del San Paolo  ancora come un cantiere aperto. Dall’altro il Comune di Napoli che ha diffuso le foto degli stessi locali, ma mostrando una situazione completamente diversa.

Nel primo video ci sono ancora le impalcature, sporcizia ovunque, e i pavimenti sono ancora coperti da assi di legno. Nell’altro invece gli spogliatoi sono quasi del tutto completati.

Tutto questo 48 ore prima della sfida contro la Sampdoria. “Le condizioni sono inaccettabili. Non ci sono parole. – aveva affermato ieri sera Ancelotti – Ho accolto la richiesta della società di giocare fuori casa le prime due partite per consentire che i lavori finissero. In due mesi si può costruire una casa e non sono stati in grado di rifare gli spogliatoi. Noi adesso dove ci dovremmo cambiare? Sono indignato per la scorrettezza e l’inadeguatezza di chi doveva eseguire questi lavori. Come hanno potuto Regione, Comune e commissari disattendere gli impegni? Vedo un disprezzo e non un attaccamento alla squadra della città“.

Nino Simeone, assessore ai trasporti di Napoli e presidente della commissione trasporti, ha fatto sapere che “alle ore 11.00 di domani venerdì, la SSC Napoli è convocata dal Comune di Napoli per la consegna dello Stadio San Paolo per i due incontri di calcio previsti, contro la Sampdoria ed il Liverpool“.

De Laurentiis conferenza stampa

De LaurentiisIl Corriere dello Sport ha intervistato Aurelio De Laurentiis, sciogliendo qualche curiosità in merito alla sessione estiva di calciomercato, chiuso dal Napoli con 54 milioni di passivo.

Il presidente De Laurentiis ha spiegato come mai la trattativa con Icardi non si sia conclusa:

“Per acquistarlo sono arrivato a offrire all’Inter 60 milioni più bonus, per un totale di 65, mentre a Wanda Nara per il contratto del marito ho proposto un lordo di circa 12 milioni. Icardi non è stuido e forse ha capito che per rilanciarsi a livello europeo andare in una squadra come il Psg, dove potrà primeggiare con più facilità rispetto al Napoli, per lui era la scelta migliore”.

In questi giorni sta tenendo banco, inoltre, la questione dei rinnovi per Dries Mertens e Josè Maria Callejon. I contratti di entrambi, infatti, scadranno a fine stagione.

 “Io sono innamorato di Mertens e di Callejon. Dopo aver parlato con Dries mi sono reso conto che è un grande conoscitore del gioco del calcio e lo definisco uno… colto di pallone. Gli ho detto: “Quando ti sarai stancato di giocare, perché non lavori con me? E’ un piacere sentirti parlare e le tue frasi danno sicurezza a chi ti ascolta”. Callejon lo considero un fedelissimo, uno di famiglia: è ormai diventato napoletano, i suoi figli sono cresciuti a Napoli e sicuramente avranno l’inflessione partenopea. Mi auguro che lui e Mertens abbiano voglia di prolungare il contratto. Sono a disposizione per entrambi. Sempre senza fare follie”.

koulibaly

koulibaly

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta, al momento gli stipendi dei calciatori della Serie A ammonta al lordo ad un miliardo e 338 e con i costi per gli allenatori si sale al miliardo e mezzo.

L’arrivo, nell’estate scorsa, di Cristiano Ronaldo alla Juventus ovviamente ha fatto lievitare il totale rispetto agli anni precedenti. La sola Juve ha visto salire del 33% gli investimenti rispetto al 2018.

Dopo i bianconeri c’è l’Inter al secondo posto, i cui gioielli sono Romelu Lukaku e Antonio Conte. Il Napoli invece sfora i 100 milioni, seguito da Milan, Lazio, Fiorentina e poi tutte le altre.

Sempre la Gazzetta, nell’edizione odierna, ha cercato di immaginare una rosa composta dagli 11 calciatori più pagati della serie A, tra questi ci sono ben sette juventini e il difensore del Napoli Koulibaly.

– Gianluigi Donnarumma (Milan) 6 milioni
– Matthijs de Ligt (Juve) 8 milioni
– Leonardo Bonucci (Juve) 5,5 milioni
– Kalidou Koulibaly (Napoli) 6 milioni
– Alexis Sanchez (Inter) 5 milioni
– Aaron Ramsey (Juve) 7 milioni
– Adrien Rabiot (Juve) 7 milioni
– Douglas Costa (Juve) 6 milioni
– Paulo Dybala (Juve) 7,3 milioni
– Romelu Lukaku (Inter) 7,5 milioni
– Cristiano Ronaldo (Juve) 31 milioni

Lo stadio San Paolo ha iniziato il suo restyling prima delle Universiadi e continuerà a rimettersi a nuovo, come comunicato dall’assessore allo sport del Comune di Napoli, Ciro Borriello, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco le sue parole: “C’è una sensazione, appena si entra al San Paolo, davvero impressionante. E’ una bella emozione vedere lo stadio nuovo, ne dobbiamo esserne orgogliosi. Quella è casa nostra, va preservata. Convenzione? Abbiamo avuto contatti recenti. A breve ci sarà una formalizzazione della richiesta di aderire e si procederà alla firma della convenzione. Terzo anello? Tra un mese circa finirà la gestione Aru, ci sono ancora dei lavori in corso. Poi vedremo noi cosa fare. Quelle superfici possono essere brandizzate, trovando forme di autofinanziamento che ci permetterà di coprire quelle brutture. Si può anche ipotizzare di solarizzare quella copertura”.

“Parcheggio? Ha problemi strutturali, non raggiunge la capienza per il quale era stato progettato. Dal 1990 al 2019 è passato un mondo, sono chiamate le normative. In questo momento non c’è ancora possibilità di rivederlo aperto. La pista è bella, l’abbiamo fatto coi colori della squadra e del mare. Per ora teniamocela qui, non è costata poco, preserviamola. poi ci faremo ragionamenti. Posti numerati? Ogni sediolino ha il suo numero, non si può sbagliare. Starà al tifoso rispettare il suo posto. La scritta Napoli sui sediolini? Sì, potrebbe esserci. Abbiamo fatto il conto dei sediolini, stiamo ipotizzando una scritta in bianco. Non è nell’appalto con Aru, quindi dobbiamo aspettare che finisca questa fase finale dei lavori delle Universiadi. Possiamo annunciarlo: ci sarà la scritta ‘Napoli’ sui sediolini. Aspettiamo qualche settimana”.

Tifosi del Napoli

biglietti napoli under 14 gratisLa SSC Napoli ha messo a disposizione alcuni biglietti gratuiti per i ragazzi under 14. La società si adegua così a quanto previsto dalla legislazione italiana.

La legge prevede il rilascio di biglietti nominativi gratuiti ai minori di anni 14 accompagnati da un genitore o un parente fino al quarto grato, nella misura di massima di un minore per ciascun maggiorenne, per un numero di manifestazioni sportive non inferiore al cinquanta per cento di quelle organizzate nel corso dell’anno. Il maggiorenne è tenuto ad assicurare la sorveglianza sul minore per tutta la durata della manifestazione sportiva. Le procedure per l’ottenimento dei biglietti gratuiti saranno fissate dalle società organizzatrici.

ATTENZIONE: MODALITÀ DI PRENOTAZIONE, ACQUISTO E RILASCIO

Nella stagione 19/20 si potrà usufruire degli ingressi gratuiti per le partite in casa (*) allo Stadio San Paolo:

  • Sampdoria
  • Cagliari
  • Brescia
  • Hellas Verona
  • Genoa
  • Bologna
  • Parma
  • Lecce
  • Spal
  • Udinese
  • Sassuolo

Eventuali integrazioni potranno essere successivamente disposte in conseguenza di aggiornamenti dei calendari o dell’organizzazione di ulteriori gare ufficiali.

In attesa di valutare la fattibilità tecnica per implementare modalità di acquisto e rilascio attraverso canale telematico, attualmente allo studio, per consentire l’emissione contestuale del tagliando a pagamento e del tagliando omaggio per il minore, in un posto adiacente, nel rispetto delle norme vigenti, l’acquisto dei biglietti, ad eccezione del settore tribuna family, essendo già prevista l’emissione di biglietti con tariffe agevolate, potrà essere effettuato attraverso le seguenti modalità operative:

a. presso i punti vendita TicketOne:

– Via Giovanni Diacono 75, Napoli. Tel: 0810382711
– Corso Vittorio Emanuele 51, San Giuseppe Vesuviano. Tel: 0815294939
– Piazza Vittorio Emanuele II 26, San Giorgio a Cremano. Tel: 0812561537
– Corso Vittorio Emanuele 727/a, Napoli. Tel:

b. inviando una richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica under14@sscn.it, specificando la gara, il settore, i dati anagrafici (nome, cognome, luogo e data di nascita) del minore e dell’accompagnatore (genitore o parente) ed allegando copia dei documenti d’identità; dovrà inoltre fornire prova documentale del suo rapporto di parentela con il minore (genitore o parente fino al quarto grado).

Si precisa che l’emissione del biglietto omaggio avverrà unitamente al biglietto per l’accompagnatore e sarà condizionata alla disponibilità di posti nel settore richiesto e alla prova dell’avvenuto pagamento a mezzo bonifico bancario del corrispettivo relativo al biglietto intero destinato al familiare maggiorenne accompagnatore tramite bonifico all’iban che sarà indicato dal Club una volta ricevuta la richiesta.

Per ragioni organizzative ed amministrative, la richiesta dei tagliandi dovrà avvenire in tempo utile affinchè possano essere processati i dati e fornito l’iban per il bonifico, e pertanto, la prova del pagamento, con evidenza del codice CRO, dovrà essere inviata a mezzo mail entro e non oltre 3 giorni lavorativi precedenti la data dell’incontro.

L’indirizzo di posta elettronica suindicato sarà dedicato esclusivamente all’emissione di detti tagliandi (omaggio Under 14 ed accompagnatore pagante) e non potrà svolgere funzioni diverse; si invitano pertanto gli utilizzatori a non presentare richieste diverse per evitare di intralciare l’attività di emissione dei biglietti.

I biglietti acquistati dall’accompagnatore maggiorenne, necessariamente a tariffa intera, e quello gratuito del minore di anni 14, potranno essere caricati sul titolo digitale.

Per conoscere i periodi di vendita delle singole gare e l’orario di apertura della vendita stessa, è possibile visitare la pagina Biglietti.

(*) data e ora potranno subire variazioni, verificare sempre il sito sscnapoli.it

lozano cr7

lozano cr7Dopo la sfortunata ma emozionante partita tra Juventus e Napoli, Il neoacquisto Lozano ha ricevuto i complimenti da Cristiano Ronaldo.

Lozano ha debuttato in campionato con il Napoli a pochi giorni dal suo arrivo ufficiale. Non conosce ancora molto bene l’ambiente né tanto meno la lingua. Però Ancelotti ha creduto in lui e il risultato gli ha dato ragione. Dopo il match è stato lo stesso campione portoghese ad avvicinarsi e dargli il benvenuto con dei complimenti sinceri, accettati con orgoglio dal messicano ex PSV.

Lozano, detto El Chucky. ha segnato alla sua prima esperienza così come è sempre accaduto. Ha una sorta di record nel segnare ad ogni debutto con una nuova squadra. Record che si infrange solo con la nazionale dove ha segnato alla sua seconda partita.

Queste le dichiarazioni del calciatore rilasciate all’emittente televisiva messicana TUDN.
“Quando c’è stato l’ultimo gol, Cristiano Ronaldo si è avvicinato e mi ha fatto i complimenti. Mi ha dato il benvenuto in Italia. E’ stato qualcosa di molto bello perché lui è un giocatore spettacolare, di un’altra categoria. Mi è piaciuta molto la partita perché la squadra è stata fantastica nonostante giocasse contro grandi giocatori, non solo Cristiano”.

Commento anche sull’ennesimo gol all’esordio: “Metto sempre lo stesso impegno in ogni partita e questo mi ha portato a segnare un gol al debutto anche a Napoli. Prima di tutto, però, pensavo a convincere l’allenatore. Non avevo parlato con lui ed entrare nell’intervallo in uno stadio spettacolare è stato molto bello”.

Infine si esprime sul suo approdo al Napoli: “Sto imparando, mi sto adattando alle abitudini anche se sono qui da molto poco. Ringraziando Dio e con la fiducia che mi dà l’allenatore, sta andando tutto bene. Il mio obiettivo è lavorare, unirmi alla squadra, aumentare il mio livello di gioco e imparare dai giocatori più esperti e da Ancelotti“.

Calciomercato Napoli 2019-2020

Calciomercato Napoli 2019-2020Il Napoli di Aurelio De Laurentiis ha una rosa dal valore complessivo di 625 milioni. Tale valore è secondo solo a quello della Juventus. I bianconeri si impongono infatti con oltre 800 milioni.

I dati utilizzati per calcolare questi valori derivano da transfermarket. Un sito molto affidabile che si occupa proprio dei valori di mercato di singoli giocatori. Anche se poi nella realtà non sempre il calciatore viene ceduto a quel prezzo, ma questa è dovuto ai giochi di domanda e offerta che avvengono nel mercato calcistico.

L’aspetto più importante per quanto riguarda la rosa del Napoli è il miglioramento ottenuto rispetto al precedente campionato, quando il valore complessivo della rosa si arrestava a 566. Un grandissimo balzo in avanti che fa distaccare, e non di poco, gli avversari dell’Inter fermi a quota 535.

Questo netto miglioramento è dovuto soprattutto ai nuovi acquisti  che hanno colmato il vuoti di alcune cessioni non di primo livello. Il messicano Lozano infatti ha un valore di mercato molto alto, grazie anche alla sua giovane età, valore che arriva a 40 milioni. Altri 45 invece ne vale il greco Ex Roma Kostas Manolas.

Da questa speciale classifica stilata da Il Mattino, emerge anche un altro dato importante. Il Napoli ha sul podio i giocatori di ciascun reparto (o quasi). Infatti il valore di Meret è di 25 ed è il terzo portiere più importante della Serie A. Koulibaly invece si colloca al primo posto dei difensori nonostante l’avvio non proprio perfetto. A centrocampo il brasiliano Allan si piazza subito dopo il regista bianconero Pjanic ed il colosso della Lazio MilinkovicSavic. Unica eccezione riguarda Insigne che perde il podio per un pelo. Il capitano degli azzurri infatti si pone al quarto posto alle spalle di CR7, Dybala e Lukaku.

Una classifica che di fatto sembra rispecchiare quella del campionato scorso con i bianconeri ad aggiudicarsi lo scudetto ed alle sue spalle prima Napoli e poi Inter. Speriamo che quest’anno la classifica reale possa vincerla la squadra che è stata collocata al secondo posto per il valore della rosa.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più