“Così, per dire”. Una rubrica sulle espressioni popolari napoletane

toto_peppino

Abbiamo scritto di leggende, storie popolari e anche di fantasmi per parlarvi di tutti gli aspetti che sono nati con il tempo e con la storia. Non è per dire la solita frase celebrativa su Napoli, è proprio per dimostrare che anche nei modi di dire, nei proverbi e nelle espressioni popolari più veraci che nasce Napoli come concetto.

L’influsso di più popolazioni e di genti diverse, di passaggio, di conquista e di dominio hanno lasciato negli intercalari, nelle singole parole della Lingua Napoletana i loro influssi storici. Non solo storici, un’espressione popolare napoletana può derivare anche da tradizioni religiose, dal modo scaramantico che hanno i napoletani di identificare un oggetto e dal loro modo di intendere le cose.

Quindi la “scalogna”, ossia la jella, deriverà dallo scalogno, un alimento molto diffuso tra i poveri e quindi “portatore” di povertà e disgrazia, così come ‘a jacuvella deriverà dallo “Jacque“ del teatro comico francese, ‘ a buatta dalla pronuncia del termine francese “boit”, la “sciantosa” dal francese chanteuse e tanti altri termini che sono oramai insiti nella nostra bella lingua, patrimonio dell’Unesco, perché diffusa in Italia e nel mondo, ma prima ancora perché portatrice e conservatrice eterna dei modi di vita, dei gusti popolari, dei personaggi storici e del teatro comico di strada, protagonisti del tempo e nel tempo a Napoli.

Di seguito e sempre in aggiornamento i proverbi, i modi di dire e le etimologie di parole partenopei più diffusi:

PROVERBI e MODI DI DIRE:

Acqua ‘e maggio, parole sagge
Adda venì Baffone
A cuoppo cupo poco pepe cape
‘A Madonna t’accumpagna
– ‘A monaca d’ ‘e Camaldoli: muscio nun le piaceva e tuosto le faceva male
A Santa Lucia nu passe ‘e gallina, a Sant’Aniello nu passe ‘e pecuriello
Alla sanfasò
Aumm aumm
– Avimmo perduto a Felippo e ‘o panaro
– Bbuò trasì dinto ‘a scazzetta?
– Capurà è mmuorto ‘a lifante
– Ce manca l’asso ‘o doje e ‘o tre
‘A carne ‘a sotto e ‘e maccarune ncoppo
Cu ‘e pacche dinto’a ll’acqua
Chillo tene l’arteteca
La cocozza e tutto il cucuzzaro
– Comme facette Scioscia mettette ‘o culo a viento ‘e terra e sciusciaje
E’ successo un ’48
E buonanotte ai suonatori
Ê viécchie lle próre ‘o cupierchio
 E che d’è ‘stu quatto ‘e Maggio?
È fernuta ‘a zezzenella
Fà acqua ‘a pippa
– Fà a muta ‘e Puortece”: chi era la muta di Portici?
Fà ‘e cofecchie
– Facesse na culata e ascesse ‘o sole
Fà l’opera ‘e pupo
– Fatte bendicere da nu prevete ricchione
Figlio ‘e ‘ntrocchia
Finire a tarallucci e vino
Giacchino facette ‘a legge e Giacchino fuje acciso
– Giorgio se ne vò jì e ‘o vescovo ne ‘o vò mannà
‘A Guallera: quando e come usarla
– Jì a ppuorto pe na rapesta
– Jì truvanno a Cristo dint”e lupine
L’asteco chiove e ‘a fenestra scorre
Mandare o andare a carte 48
Mannaggia a Bubbà
Mannaggia ‘a marina
Mannaggia ‘o sango d”a culonna
Mantenè ‘o carro p’ ‘a scesa
Mme veco pigliato d”e turche
‘A neve dint’ a sacca 
Nu maccarone vale ciente vermicielle
Nun fa’ ‘o Zeza
Nun mettere ‘o ppepe nculo a zoccola
Nun sfrucuià ‘a mazzarella ‘e San Giuseppe
Pare San Pietro mmurmuliatore
‘O cchiù bunariello tene ‘a guallera e pure ‘o scartiello
– ‘O muccaturo
 ‘O pata pata ‘e ll’acqua 
Ogne gghiuorno è taluorno
‘O trenta ‘e maggio ‘a vecchia mettette ô trapanaturo o ffuoco
Pare ‘a fraveca ‘e San Pietro
Pare ‘a sporta d”o tarallaro
– Parlare Giargianese
– Parlare Tosco
Piscià acqua santa p”o velliculo
– Portare scarogna
Puozz’ avè mez’ora ‘e petriata dinto a nu vicolo astritto
Puozze sculà e puozze schiattà 
Pure ‘e pullece tenene ‘a tosse
Quanno ‘a gallina scacatea, è signo ca ha fatto ll’uovo
– Quanno chiove e jesce ‘o sole tutte ‘e vecchie fanno ‘a ‘mmore…
San Biase ‘o sole pe ‘e case”
Scarte frúscio e piglie primera!”. Ma che significa?
‘A sciorta d”o piecuro, nasce curnuto e more scannato
– Se piove il 4 aprile pioverà per quaranta giorni…
“Se so’ rotte ‘e giarretelle”: perchè si dice così e da dove deriva?
Se fruscia Pintauro
Si ‘o culo parla ‘o miedeco nun trase 
Si ‘na pereta
Si’ nu cuoppo allesse
Si’ nu Mamozio! 
Si’ nu samenta
Si’ nu Sarchiapone!
‘O spassatiemo e ‘e ciociole
– A tavola d”o cucchiere, nu pirito, nu rutto e nu chitemmuorto
Te manno e Pellerini
Tene ‘e rrecchie ‘e pulicano
Tenere la candela
Trica ca vene pesante!
L’uocchie sicche so’ peggio de’ ‘e scupettate
– L’urdemo lampione e Forerotta
– Uosemo
Va a vasà ‘o pesce ‘e San Rafele
Va truvanno scè scè
– Voce ‘e popolo voce ‘e Dio

La donna nei proverbi napoletani

La mamma nei proverbi napoletani

Differenza tra “Cornuto” e “Scornacchiato”

Modi di dire “Sesso” in napoletano

La morte e i morti nei proverbi

Le poesie napoletane d’amore

ETIMOLOGIE DI PAROLE:

Abbuscare
Accio
All’intrasatta
Arecheta
Arteteca
– Azz…
Cerase
Camorra
Carusiello
Cazzimbocchio
Chiachiello
Chianchiere
Chiavica
Cresommola
Fittiare
Frambuasso
– ‘Gnora e socra
Guaglione
Inciucio
– Legnasanta
Lumera
Mariuolo
Mesale
Mellone
Mpusumatura
‘Ngarrare
– Nippolo
‘Ntalliarse
‘Nzallanuto
Nzurarse
‘O battilocchio
‘O panaro
‘O ricuttaro
Papiello
– Pariare
Pastenaca
Perzeca e percoca
Petrusino
Pezzotto
Punessa
Puteca
Rammaggio
Rattuso
– Rena
 Ricchione
– Riggiola
Riscenzielli
Sereticcio
Sciarabballo
Scuorno
Sparatrappo
Spuzzuliare
Tirabusciò
‘A Staggione
Vasinicola
Zompapereta
Zoza

Potrebbe anche interessarti